Per il momento è solo una proposta di legge statale, eppure parte dal Veneto la campagna parlamentare per riaprire le case chiuse e istituire un albo che regolamenti la prostituzione. La quinta commissione del consiglio regionale ha dato il via libera alla proposta avanzata da Antonio Guadagnini di “Siamo Veneto” che dovrà ora essere approvata dal consiglio regionale e quindi seguire l’iter di approvazione statale per riformare la legge Merlin. “La mia proposta tiene conto della giurisprudenza ormai consolidata della Corte di Cassazione – ha commentato Guadagnini – la quale ha affermato che chi esercita questo lavoro è un ‘libero professionista‘, che ha diritto a ricevere un giusto compenso e dovrebbe emettere fattura con partita Iva. Essa inoltre afferma che affittare o cedere un appartamento per uso di prostituzione, entro certi limiti, non dovrebbe considerarsi favoreggiamento della prostituzione“.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha applaudito all’iniziativa, di fatto facendola diventare un tema di carattere nazionale. “Ero e continuo a essere favorevole alla riapertura delle case chiuse. Non c’è nel contratto di governo, perché i Cinquestelle non la pensano così, però io continuo a ritenere che si debba togliere alle mafie, alle strade e al degrado questo business, anche dal punto di vista sanitario. Per me il modello austriaco è quello più efficiente”. Si apre un altro fronte nella maggioranza? Salvini ha subito avvisato: “Non aggiungiamo problema a problema, chiudiamo quelli aperti prima di riaprire le case chiuse“.

Dubbi vengono da Pia Covre, fondatrice dell’onlus Comitato per i diritti civili delle prostitute. “Le case chiuse di Salvini penso siano un sistema di distrazione di massa. Dell’argomento se ne parla sempre in campagna elettorale, quando non si vogliono affrontare i problemi reali, come la crisi economica“. Perplessità anche sulla praticabilità della legge: “Poiché con l’autonomia si distaccheranno le regioni più ricche, al Governo hanno pochi soldi e hanno deciso di fare cassa con i proventi della prostituzione. Bisognerà vedere se le sex worker pagheranno le tasse. Forse non sanno che in Germania su 200mila lavoratrici soltanto 6mila si sono regolarmente iscritte”.

La proposta di legge prevede che le prostitute siano considerate lavoratrici autonome, tenute a rilasciare la ricevuta, a presentare la dichiarazione dei redditi, ad essere scritte in un apposito albo comunale e ad esibire un certificato medico, da rinnovare ogni mese. La messa in regola è solo una delle innovazioni. C’è, ad esempio, un inasprimento severissimo delle pene. Gli sfruttatori della prostituzione minorile rischiano dai 10 anni di reclusione all’ergastolo. Ma anche chi ha rapporti sessuali con minori di 14 anni in cambio di denaro o altra utilità rischia l’ergastolo. Se i minori hanno dai 14 ai 18 anni, la pena andrebbe dai 10 ai 20 anni di reclusione. Dai 10 anni all’ergastolo è la pena per chi organizza o pubblicizza il turismo sessuale con minorenni.

L’iniziativa di Guadagnini nasce dall’esigenza di regolamentare la prostituzione, esercitata da circa 50-70mila persone in Italia (tra cui almeno 2mila minorenni), per il 65 per cento su strada, per il 29 per cento in albergo, il resto in case private.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Cedu condanna Francia e Grecia per il trattamento dei minori a Calais e al confine: dovranno essere risarciti

prev
Articolo Successivo

Giornata internazionale contro le discriminazioni, tre studenti su cinque vittime di insulti, violenze o minacce

next