Blitz antidoping delle autorità tedesche e austriache a Seefeld, dove sono in corso i mondiali di sci nordico. Le forze dell’ordine hanno arrestato in tutto 7 persone nella nota località del Tirolo: due membri di quella che viene definita “un’organizzazione criminale” e cinque atleti tutti dello sci di fondo: gli austriaci Dominik Baldauf e Max Hauke, due estoni e un kazako. Contemporaneamente a Erfurt, in Germania, sono stati arrestati un dottore e un suo complice. L’operazione denominata ‘Operation Bloodletting‘ ha smantellato una “rete di doping a livello internazionale” che effettuava “doping ematico” da diversi anni., scrive la stampa tedesca.

Tutto è scaturito da una inchiesta su frodi sportive e uso di sostanze e metodi illegali focalizzata su una organizzazione criminale tedesca costruita attorno al medico sportivo di Erfurt, il sistema di doping sarebbe “in atto da diversi anni“. Il blitz è scattato dopo le rivelazioni del campione di sci di fondo austriaco Johannes Duerr, condannato per uso di Epo ai Giochi olimpici invernali di Sochi e autore di un libro in cui si parla delle trasfusioni di sangue illegali avvenute in Germania. Lo ha confermato il pubblico ministero di Monaco di Baviera, Anne Leiding.

A quanto riporta il giornalista dell’emittente tedesca Ard, Hajo Seppelt, il primo a dare notizia del blitz antidoping di questa mattina, gli atleti coinvolti “sono stati colti il flagranza di reato” dalla polizia. Al momento non sono ancora stati resi ufficiali i nomi degli arrestati. Secondo il quotidiano austriaco Kronen Zeitung, i due austriaci sono Baldauf e Hauke, sesti nella gara di Team Sprint. Come riporta la Rsi, la radiotelevisione svizzera, desta parecchi sospetti poi la mancata partenza alla 15km di oggi degli estoni Andreas Veerpalu e Karel Tammjarv, ma soprattutto del kazako Alexey Poltoranin, due volte medaglie di bronzo ai Mondiali del 2013 in Val di Fiemme. Una conferenza stampa per spiegare i dettagli dell’operazione è prevista oggi a Innsbruck.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daniele Nardi e Tom Ballard stanno cercando di scalare il Nanga Parbat. Ma da domenica non ci sono notizie

next
Articolo Successivo

Daniele Nardi e Tom Ballard sul Nanga Parbat, facciamo il tifo per voi

next