C’è chi ha l’associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Chi è a processo per tentata concussione in concorso. Chi è stato condannato per peculato continuato. E la lista è lunga. Sono cinque i candidati cosiddetto “impresentabili” alle elezioni regionali in programma domenica in Sardegna, che risultano cioè non conformi al Codice di Autoregolamentazione della Commissione antimafia, secondo la lettura che ne ha dato giovedì ai giornalisti a San Macuto il presidente della commissione, Nicola Morra. Altri “tre candidati hanno riportato sentenze di condanne in primo grado e ove eletti per la legge Severino scatterebbe la sospensione”. Ecco chi sono.

Elezioni Sardegna. Droga, concussione, peculato: ecco perché 5 candidati sono impresentabili e 3 rischiano sospensione

AVANTI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corea del Nord, il caso della figlia dell’ex ambasciatore rimpatriata. Pyongyang: “Era felice di tornare”

next
Articolo Successivo

Diciotti, Fattori e Nugnes: “Voteremo per processo a Salvini. Riorganizzazione? Se dall’alto, finirà peggio dei vecchi partiti”

next