“Partiamo dal finale, tanto non è un giallo. Non è giallo, né gialloverde, tranquilli”. Matteo Renzi apre così la presentazione del suo libro, “Un’altra strada”, al teatro Parenti di Milano. “Non mi candido alle primarie, non mi candido alle Europee”. Non sono mancate le frecciate ai leader di M5S e Lega: “La politica italiana oggi è rappresentata da Gigi Di Maio, ma io credo nell’Italia e nella politica. Salvini ha giurato sul Vangelo, non l’ha letto però”. Nel mirino anche Roberto Fico, presidente della Camera: “Per lui il lavoro in nero è beneficenza della quale uno si sdebita. Questi sono quelli di sinistra, che una parte del mio partito voleva incoronare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Matteo Renzi a Che tempo che fa: “Fondare un altro partito? Ci ho pensato due volte”. Ecco quando

next
Articolo Successivo

Diciotti, voto online M5s. Di Maio: “Sosterrò il risultato”. Il leghista Giorgetti: “Non sfiduceranno il loro governo”

next