Gli studenti universitari italiani sono protagonisti dell’edizione 2018 degli Amazon Innovation Award, il concorso indetto dal colosso statunitense dell’ecommerce giunto al terzo anno. L’obiettivo è stimolare i giovani a mettere in campo conoscenze e creatività per realizzare prodotti innovativi che si possano prestare alla soluzione di problemi aziendali reali. Sono coinvolti gli studenti di ingegneria del Politecnico di Torino e di Milano e dell’Università Tor Vergata di Milano. In ciascun ateneo si tengono concorsi interni per coronare il vincitore locale, poi la giuria stabilisce chi fra i tre progetti finalisti vince l’edizione annuale e vola a Seattle a vistare i centri di distribuzione più innovativi di Amazon.

Nella competizione torinese ha vinto il progetto Amazon You creato da Gennaro Bianchi, Jacopo Fanelli, Ilaria Gandini, Chiara Perri e Katarina Sucic del corso di laurea magistrale in Produzione industriale. Hanno realizzato degli occhiali hi-tech destinati ai magazzinieri, che hanno diverse funzioni. Sostituiscono lo scanner che serve per registrare i codici a barre degli articoli. In più visualizzano informazioni quali la dimensione della scatola più adeguata per spedire un determinato articolo, e come disporre i prodotti in modo da ottimizzare lo spazio.

A Milano l’idea vincente è stata quella di Giulia Merati, Giorgio Manenti, Sofia Lamberti e Filippo Pennati Belluschi, che hanno messo a punto robot collaborativi capaci di “rendere più efficienti e sicuri gli spostamenti dei carichi pesanti” all’interno dei magazzini. I robot vengono impiegati per caricare pallet di merci su e giù dagli scaffali e sui camion. In caso il peso sia eccessivo, lavorano insieme per ripartirlo. I magazzinieri così possono risparmiare un lavoro pesante, e si scongiura il rischio di incidenti. Interessante il fatto che “il cervello” di questi robot sia un microchip economico (20-30 euro) applicato ai robot Kiva che sono già impiegati nei centri di Amazon. Insomma, ottimizza e potenzia una tecnologia già esistente introducendo il concetto di collaborazione.

Robot Kiva

 

Oggi si terrà la tappa romana della competizione e in seguito verrà decretato il vincitore. Comunque vada, per tutti i ragazzi che hanno partecipato (200 solo dal Politecnico di Milano) è stata un’esperienza importante, perché hanno avuto l’opportunità di entrare in contatto con una realtà lavorativa importante e operare in gruppo, anche in contesti multiculturali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sony trasforma l’orologio tradizionale in uno smartwatch con cinturini raffinati ma costosi

next
Articolo Successivo

Con PayPal ora si può scambiare denaro fra privati senza pagare commissioni

next