“Il governo italiano chiede al più presto nuove elezioni presidenziali democratiche in Venezuela“. Lo ha detto il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi in una comunicazione alla Camera sulla crisi nel paese. “La situazione in Venezuela è oggetto di una notevole attenzione internazionale e lo si vede anche nelle contrapposte risoluzioni presentate nel quadro dell’Onu – ha detto il ministro alla Camera -. Secondo il governo la situazione è complessa, bisogna prevenire nuove violenze ed è importante favorire il dialogo, se possibile la riconciliazione nazionale”, ha sottolineato. “Le nuove elezioni presidenziali restano per noi la via per una soluzione”, ha aggiunto Moavero sottolineando che “restano valide le elezioni dell’Assemblea nazionale tenute successivamente”. E, ha aggiunto: “La condanna di ogni tipo di violenza e la richiesta di nuove elezioni presidenziali restano i nostri punti cardine. L’Italia ha dato stanziato due milioni di euro da erogarsi nel più assoluto rispetto dei principi internazionali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bankitalia, blog M5s: “Indipendenza non diventi mancanza di responsabilità. Cambiamo senza timore di poteri forti”

prev
Articolo Successivo

Venezuela, Fassino (Pd): “Ambiguità italiana rimarrà come una macchia”. Romaniello (M5S): “Non sosteniamo Maduro”

next