A Venezia la novità del 2019 è la tassa di ingresso per i turisti di giornata. La misura è stata inserita a dicembre nella manovra di bilancio. E mentre il sindaco annuncia il varo del provvedimento dicendo che “coprirà i costi di gestione della città”, siamo andati a Venezia per discuterne con gli abitanti. Gli argomenti dei favorevoli sono prevalentemente questi: “Servirà a raccogliere soldi da investire in servizi per i cittadini”; “potrebbe limitare il flusso del turismo mordi e fuggi”; “giusto far pagare un biglietto di ingresso a coloro che usano la città come un museo a cielo aperto, e sono decine di milioni ogni anno”. I contrari oppongono altre ragioni: “Venezia è di tutti e visitarla liberamente è un diritto”; “l’attuazione della norma sarà difficilmente praticabile”; “vogliono solo far cassa sui grandi numeri”. C’è chi riconosce che “il turismo di massa è rovinoso per una città così fragile e dev’essere regolamentato, ma questo non è certo il modo giusto”. E chi si fa portavoce degli interessi dei commercianti: “più turisti arrivano meglio è, non bisogna tassare gli ingressi”. E voi che ne dite? Di Piero Ricca e Alessandro Sarcinelli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezia come un museo: tassa di ingresso da 3 a 10 euro per i non residenti e sistema di prenotazione con costi variabili

prev
Articolo Successivo

M6nths, il cortometraggio “contro le gabbie” che mostra il punto di vista di un maialino in un allevamento intensivo

next