“Mi alleno con il gruppo da tempo. Miglioramenti? Senz’altro: già il fatto di stare insieme conta. Sa, si pensa spesso di rimanere a casa: e invece muoversi, con la nostra malattia, fa sempre bene”. Renato ha 66 anni ed è un ex dirigente sportivo. È molto timido e riservato. Non aveva mai parlato prima della sua malattia in pubblico. Ci ha messo un anno e mezzo per unirsi al gruppo, ma ora c’è, ed è una presenza costante. Si chiama Rock Steady Boxing, la palestra si trova a Como ed è il primo progetto in Italia (e in Europa) per combattere il morbo di Parkinson con l’esercizio fisico. E i guantoni da boxe.

Tutto è nato nel 2014 grazie a Tiberio Roda, originario di Como, per anni imprenditore di successo in una famiglia di imprenditori. Poi è arrivata la malattia. Quando ha avuto la diagnosi di Parkinson ha subito detto: “Dottore, se questa è una gara, la vinco io”, ricorda. In rete ha trovato informazioni sul metodo nato negli Usa nel 2006, ha scritto una mail e ha subito deciso di provare: ha preso lezioni private con il maestro Enrico Milazzo, è andato negli States, è diventato coach. Lo segue Paola Roncareggi, ex pallavolista e sua compagna. È nato così, a Ponte Lambro, 4313 abitanti nell’alta Brianza, Rock Steady Boxing Como Lake, una delle 741 palestre al mondo a promuovere la boxe senza contatto per combattere i sintomi della malattia di Parkinson. Ad oggi non esiste una cura per la malattia di Parkinson, ma i benefici di chi partecipa al programma sono evidenti, in tutti gli stadi. L’allenamento proposto da Paola e Tiberio si compone di un’ora e mezza di esercizi da fare tre volte a settimana: il martedì, il giovedì e il sabato.

Tanti i benefici: c’è chi ha ricominciato a viaggiare, sentendosi più sicuro, e chi ha ripreso la passione della 500 e va ai raduni

Grazie alla boxe senza contatto si sono avuti parecchi miglioramenti, e concreti. C’è chi ha ricominciato a viaggiare e a fare weekend fuori porta con la famiglia, sentendosi più sicuro in mezzo agli altri; c’è chi ha ripreso la passione della 500 e spesso va a raduni o eventi sociali con la sua auto fiammante; c’è Francesco, 59 anni, che ha cominciato gli allenamenti in palestra ad ottobre del 2018 e grazie agli esercizi coi guantoni è riuscito a trovare finalmente un beneficio: “Facciamo esercizi in terra, addominali, scioglimento dei muscoli e poi la boxe vera con sacchi, ma senza contatto fisico – racconta emozionato al telefono –. Miglioramenti? Sì, riesco a combattere di più la malattia, nella postura, nei movimenti, con la respirazione. Si rilassano i nervi e il corpo”.

Paola e Tiberio hanno cercato di diffondere il metodo in Italia: “È un lavoro di semina quotidiano, purtroppo siamo ancora un Paese frammentato”, spiega l’ex pallavolista. “Qui c’è molto interesse per la malattia, anche se l’approccio generale è legato alle soluzioni classiche, al farmaco che risolva tutto. Eppure il morbo ha così tanti rivoli che sarà davvero difficile trovare a breve un farmaco di questo tipo”, spiega Tiberio. Lo Stato potrebbe fare qualcosa di più per aiutare i malati? “A volte mi chiedo se sarebbe meglio un unico coordinamento statale, piuttosto che la pletora di associazioni e organizzazioni che trattano di Parkinson – continua – ma credo che lasciare la libertà di azione ai privati sia una risorsa. Forse lo Stato dovrebbe essere più proattivo nell’indirizzare i malati verso una attività fisica più mirata, nell’attesa che arrivi una nuova cura”.

L’approccio generale è legato alle soluzioni classiche, al farmaco che risolva tutto. Eppure il morbo ha così tanti rivoli che sarà difficile trovare a breve un farmaco di questo tipo

Qual è stata e qual è la reazione del territorio? Supporto, indifferenza, sostegno economico? “Tiberio ed io non siamo persone che si lasciano influenzare troppo da un riscontro o un mancato riscontro”, risponde Paola. Se la stampa locale ha sempre dato ampio spazio, all’inizio “le istituzioni non sono arrivate – continua –. Col tempo ci sono stati poi gli inviti, i primi sostegni, la progettualità comune con le altre associazioni, sia locali che nazionali”.

Gli obiettivi raggiunti sono tanti. Quelli per il futuro molti: tra le sfide previste nel 2019, ad esempio, c’è un trekking in Sicilia, dal 20 al 30 giugno, un vero e proprio pellegrinaggio dedicato ai pugili speciali. I momenti più belli? “Posso assicurare che da quando ho il Parkinson ho conosciuto le persone migliori. Sono quelli che si danno da fare per gli altri: è molto bello sentirsi voluti bene. Compensa i deficit portati dalla malattia”, risponde Tiberio. Ci sono pugili che sono arrivati in palestra nel 2014 con il morale a terra: “Oggi sono i migliori del gruppo e ci aiutano con l’esempio a dare coraggio agli altri”, sorride. La boxe senza contatto dà una speranza a chi vuole aiutarsi a star meglio, da subito. “La ricerca deve andare avanti – conclude – Ma nel frattempo che si fa?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il nuovo regolamento di polizia urbana. Tutti i divieti: dalla musica ai panni stesi

next