Il filmato delle telecamere di sicurezza della Galleria di Stato Tretyakov di Mosca, mostra il momento in cui un uomo ruba in tutta calma l’opera dell’artista russo Arkhip Kuindzhi “Ai-Petri”. Il crimine sfacciato si è consumato domenica, poco dopo l’apertura al pubblico. Nel video l’uomo può essere visto togliere il dipinto dal muro per poi trasportarlo attraverso una stanza piena di visitatori. Il filmato mostra anche il ladro che viene arrestato e le autorità che recuperano il dipinto in un remoto cantiere fuori Mosca. Il dipinto ha un valore stimati di 12 milioni di rubli, circa 150 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crollo diga in Brasile, il disastro di Brumadinho non è stato un incidente. Ma un crimine

next
Articolo Successivo

Rio de Janeiro, l’omicidio dell’attivista Marielle Franco e quei legami tra i presunti assassini e il figlio di Bolsonaro

next