Il giudice di Forum che parla con un avvocato arrestato. E parla di fondi all’estero, falsi finanziamenti, transazioni, riciclaggio, soldi da lavare. Persino di pentiti e “dei rapporti con Brusca“. La procura di Catania ha intercettato l’avvocato Mariolino Leonardi, arrestato qualche giorno fa per bancarotta e riciclaggio, mentre discute con Francesco Foti, legale pure lui ma molto noto soprattutto come personaggio televisivo: è infatti il giudice arbitro di Forum, la nota trasmissione televisiva di Rete 4. A pubblicare in esclusiva le intercettazioni è Antonio Condorelli su Livesicilia.it.

La Guardia di Finanza infatti segue Leonardi a Roma mentre si reca in un ristorante: all’interno c’è anche Foti. Il giudice di Forum chiede all’amico avvocato informazioni su come costituire una società all’estero. Leonardi propone di crearla in Croazia dove “è possibile creare società anonime  completamente sconosciute o con un codice fiscale croato”. Una proposta che piace al volto di Rete4: lo metterà in contatto con un suo cliente “che fa transazioni e falsi finanziamenti su fatturati di società francesi”. “La cosa importante è far sparire subito i soldi non appena questi vengono sbloccati”, dice Foti nelle intercettazioni della Guardia di Finanza, spiegando che il denaro viene dalla Francia. “La società francese prende contatti con un’altra società che di fatto esiste ma i personaggi non sono quelli reali. I personaggi si incontrano presso gli uffici romani del suo cliente dove la società truffata chiede un finanziamento che gli viene concesso ma chi concede il finanziamento vuole in garanzia un 10% depositato che si sbloccherà al momento che viene erogato il finanziamento”.

Il giudice di Forum è consapevole che si tratta di affari rischiosi e infatti parla di “i costi che una operazione di questo tipo può avere, visto che è un 648 bis, operazione di riciclaggio”. Leonardi gli chiede se gli servono persone da mettere nella società o se abbia già lui qualcuno che faccia formalmente l’operazione di riciclaggio. L’avvocato Leonardi chiede: “Il problema è dimostrare che non ci siano problematiche, quindi io come faccio a dimostrarlo? Perché faccio una società, una fattura alla società che mi deve fare il bonifico e gli dico, compensi per consulenza, per esempio. Poi ovviamente io ci devo pagare le tasse su questi compensi per consulenza. A lui va bene così?”. Foti non esita: “Ma se servono a lavare i soldi certo che gli va bene, no?”. Poi avverrà la spartizione: “Quando questo fondo viene diviso – continua il volto televisivo –  compenso per l’avvocato, se la vede lui, compenso per quello che fa il finto banchiere e compenso suo. Ognuno per sé”.

Il giudice di Rete4 parla anche di cifre: “In genere le somme sono di un milione…i 100 milioni sono quelli che la banca che finanzia o si occupa del finanziamento…quindi si versano quei 100 milioni che devono restare vincolati sul conto dell’avvocato fin quando all’avvocato non viene comunicato che il finanziamento è stato erogato e che quindi quei 100milioni possono essere dati a chi gli ha fatto fare il finanziamento”. Poi scende nei dettagli: ““Li dà alle due società che hanno mediato il finanziamento uno che sono i clienti ed una di questi finti francesi…che hanno la banca e quindi fa due bonifici, uno per quelli lo fa in Croazia…mi pare e uno per il mio cliente lo fa in Romania…solo che oramai questa strada l’hanno scoperta e allora lui mi chiedeva se io avessi un avvocato da coinvolgerlo nelle prossime due operazioni che naturalemente prende bei soldi perché ogni operazione…si parla di un milione e quindi all’avvocato gli danno un paio di centomila euro e se ci abbiamo un’altra strada da seguire per non fare sempre la stessa cosa…”.

L’uomo che ha preso il posto di Sante Licheri,  fa anche il nome di un suo cliente – tale “Costanzo” – e parla anche di pentiti ma quel passaggio nelle intercettazioni non è chiaro: si sente solo la parola “Brusca”. Se sia o meno il boia della strage di Capaci non è dato saperlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ghana, ucciso il giornalista investigativo Ahmed Husein: con il collega Anas denunciò la corruzione nel calcio africano

prev
Articolo Successivo

Napoli, il procuratore regionale della Corte dei Conti Michele Oricchio prosciolto dall’accusa di abuso d’ufficio

next