Il libro “Alta Fedeltà” di Nick Hornby viene prescritto nella Piccola Farmacia Letteraria per curare l’amore non corrisposto mentre “Il Cardellino” di Donna Tartt per alleviare la tristezza dopo un lutto. “Il libro è un prodotto artistico e può essere usato per dare sollievo e aiutare gli altri”, racconta la libraia Elena Molini, 35 anni. Dopo quattro anni di lavoro nelle grandi catene di distribuzione ha deciso di aprire La Piccola Farmacia Letteraria, inaugurata il mese scorso nella periferia sud di Firenze. I libri sono divisi in macrocategorie di malesseri: da sentimenti come l’amore non corrisposto, la necessità di emancipazione e la nostalgia fino a problemi concreti tra cui la disoccupazione. Ogni libro è contrassegnato da un bugiardino che elenca le persone a cui è rivolto, la posologia e i possibili effetti collaterali. Una storia che sembra uscita dalle pagine di un libro. Un cliente le ha fatto notare che ricorda la trama di “Una piccola libreria a Parigi” di Nina George, dove il protagonista ha una farmacia letteraria galleggiante ormeggiata sulla riva della Senna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Accudiscono anziani e aiutano i malati, ecco i robot sviluppati da un team della Campania: “Rilevano anche stati d’animo”

prev
Articolo Successivo

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno è una bufala per farci fare più acquisti

next