Avrebbe potuto tenere per sé il portafoglio. Invece lo ha consegnato al sindaco, che ha rapidamente rintracciato il proprietario, dirigente di un’azienda, ed è stato assunto. È successo a Cartigliano, paese di 3.800 anime in provincia di Vicenza, dove il gesto di un disoccupato originario del Marocco non è passato inosservato.

Omar Chamkou, 59 anni, senza lavoro da sei anni, domenica 13 gennaio stava passeggiando lungo la riva del fiume Brenta, quando si è imbattuto in un borsello abbandonato a terra: dentro c’erano 900 euro in contanti, oltre a documenti e carte di credito. L’uomo, in Italia da 30 anni, ha portato immediatamente il portafoglio al sindaco Guido Grego, che ha rintracciato il legittimo proprietario e ha pubblicato su Facebook una foto insieme a Omar con il commento: “Bravi, cittadini onesti”.

Felice per il ritrovamento, il proprietario, dirigente che lavora per la conceria Finco di Bassano del Grappa, ha deciso subito di ricompensare l’uomo, in Italia da 30 anni, organizzando per lui un colloquio di lavoro con il titolare. “Ci sembrava il minimo – spiega Bernardo Finco, che tra le sedi di Bassano e Montebello conta circa 120 dipendenti – , non aveva fatto domanda da noi ma aveva bisogno di lavoro e in questo momento il nostro settore offre opportunità. Lavorerà in reparto, inizia lunedì”.

Chamkou, padre di tre figli, aveva perso l’occupazione come operaio dopo che la sua azienda aveva chiuso, assorbita da una multinazionale. “Quella accaduta a Cartigliano in questi giorni è una storia bellissima con un finale da favola – ha commentato il sindaco -. Spero che raccontarla aiuti tutti a riflettere sull’importanza di tenere un comportamento onesto ed essere da esempio per i propri familiari e gli altri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Empoli, muore durante intervento della polizia: “Aveva le mani e i piedi legati”

prev
Articolo Successivo

Corruzione, blitz della Guardia di Finanza al Tar di Catania: indagato un giudice

next