Il viadotto Puleto dell’E45, nei pressi di Valsavignone, in provincia di Arezzo, è stato chiuso e sequestrato dalla magistratura. Il provvedimento, richiesto dal procuratore di Arezzo Roberto Rossi e disposto dal gip Piergiorgio Ponticelli, nasce dall’inchiesta sul cedimento di una piazzola della stessa E45, avvenuto l’11 febbraio 2018.

Ad avviso di una commissione di tecnici incaricata dal pm, che indaga contro ignoti per omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina, il viadotto sarebbe a rischio crollo. Nella relazione si parla di una “criticità estrema” e di “rischio di collassamento”, a causa del perdurare dell’esposizione all’usura del traffico veicolare. Il sequestro è stato notificato stamani dai carabinieri è in corso di esecuzione con un centinaio di uomini Anas.

Il caso venne alla luce con le foto postate su Facebook a dicembre da un ex poliziotto aveva notato che alcuni ferri “si sgretolavano”: il pilone era sostanzialmente scarnificato e con i ferri arrugginiti a vista. Ne nacque l’intervento della procura che inviò i carabinieri guidati dal luogotenente Antonello Di Palo a verificare. Poi la scelta di affidarsi al verdetto della commissione e l’intervento della magistratura.

Il viadotto Puleto è quindi stato chiuso in entrambe le direzioni tra gli svincoli di Canili e Valsavignone, in corrispondenza del confine tra le province di Arezzo e Forlì-Cesena. Anas, spiega una nota, “sta già fornendo ai periti della procura tutti gli elementi conoscitivi tecnici, per rappresentare al meglio le condizioni dell’infrastruttura e i lavori di manutenzione già avviati a dicembre, al fine di consentire una veloce riapertura al traffico ed evitare gravi disagi alla circolazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vibo Valentia, medici e infermieri fanno la spesa in orario di lavoro: venti denunce per assenteismo. Il video che li incastra

prev
Articolo Successivo

Toscana, la videodenuncia di due mesi fa del viadotto sequestrato: “Fa paura, crolla tutto! Speriamo bene”

next