“Il rischio idrogeologico in costiera amalfitana è elevato, soprattutto a seguito degli ultimi incendi che hanno indebolito il territorio. Dal 2017 a oggi si è fatto davvero poco: interventi per tamponare situazioni di emergenza mettendo in sicurezza le zone prossime ai centri abitati ma niente di incisivo in alta montagna”. A mettere in evidenza la fragilità del territorio che sovrasta Comuni come Positano è Giuseppe Coppola, agronomo, responsabile dell’antincendio boschivo della Comunità montana. “L’area incendiata in questa zona è di oltre 300 ettari – continua Coppola – Con le forti piogge, colate di fango, detriti e pietrame hanno invaso la statale amalfitana e il centro cittadino, fino ad arrivare a mare. Potrebbero verificarsi ancora fenomeni simili”.

Particolarmente delicata anche la zona del torrente Dragone che abbraccia i Comuni di Atrani, Scala e Ravello. “Interventi sbagliati come case e manufatti oltre a discariche abusive, materiali abbandonati, mancanza di manutenzione hanno creato una situazione molto pericolosa – spiega Secondo Amalfitano, geologo – Gran parte delle vie di fuga dell’acqua sono ostruite. E su Atrani oggi possono arrivare sia onde di piena d’acqua, sia grosse colate di fang”».

Sul versante sorrentino la situazione più preoccupante riguarda il Monte Faito, martoriato dagli incendi nell’estate 2017 e dai conseguenti eventi franosi che hanno causato la chiusura della strada per un lungo periodo. “Oltre a interventi urgenti di disgaggio e installazione di reti paramassi già realizzati sul versante di Vico Equense – spiega Massimo Pinto, direttore generale Protezione civile della Regione Campania – sono previsti progetti incisivi e risolutivi nel prossimo futuro. Si tratta di lavori che ammontano a 2milioni di euro per quanto riguarda l’area che ricade nel Comune di Vico Equense, altri pari a 10milioni sul territorio di Castellammare di Stabia“. Tale pianificazione, oltre agli interventi in casi di emergenza, “è frutto dell’azione sinergica tra più enti: Parco dei Monti Lattari, amministrazioni comunali, Difesa suolo della Regione Campania” come spiega Tristano Dello Joio, presidente Parco dei Monti Lattari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, caos a Malpensa: egiziano fugge tra le piste per respingimento. Voli in ritardo e arrivi dirottati

next
Articolo Successivo

Napoli, Di Maio: “Otto bombe in una settimana. Lo Stato deve farsi sentire”. Morra: “Combattiamo la Camorra”

next