“Sono molto preoccupato per tua madre”.
Così mi diceva.
E io non capivo.
Cioè, capivo ma non al 100%.
Forse non arrivavo neanche al 60%.
Visite geriatriche, controlli di routine e blandi referti, ma la malattia è arrivata, you welcome!
Come capita nelle migliori famiglie, il più sano di mente si è ammala più gravemente degli altri, aggiungi a questo l’età avanzata e un corpo che ti dice “ecco il conto”.

Poi la morte.
Non improvvisa, ma lenta, senza sofferenza, naturale come dovrebbe essere il fine vita arrivati a una certa età, quell’età che anche se ti senti giovane dentro, al corpo non gliene frega niente.
La biologia non fa sconti.

Questo più di quattro anni fa.
E la vita continua.
Così è andata è così sempre andrà.
“Sono molto preoccupato per tua madre”, diceva.
Ora finalmente l’ho capito.
“Demenza senile di grado severo” così c’è scritto adesso sui fascicoli sanitari e così si va avanti, ovviamente male.
Non si sa fino a quando, ma si andrà avanti così e così sempre sarà, anzi andrà pure peggio.
Nessuna illusione.

La demenza senile non regala speranze, ma come ben sapete, una malattia grave vale l’altra, non importa quale sia e non importa neppure l’età, il risultato è sempre il medesimo: famiglie abbandonate a loro stesse, ognuna nel suo viaggio, ognuna persa dentro i fatti suoi.
E si va avanti, finché ci si riesce.
Chi non ce la fa finisce male, è il caso del signor Paolo Casolari di 80 anni che ieri ha ucciso la moglie Luisa Minghè di 74 anni malata di demenza senile, poi si è sparato col fucile. È il caso del signor Paolo Palmonari di 93 anni che a novembre ha ucciso la moglie Anna Bertuzzi di 91 anni, poi si è buttato dalla finestra.
Non ce la facevano più.
E nessuno se n’è accorto.
In sottofondo la solitudine totale di una popolazione che invecchia nell’invisibilità totale, un esercito di sconfitti con poco appeal, un’emorragia di dolore inarrestabile nascosta sotto a un tappeto sempre più gonfio di orrore.

Cominciamo a farci caso, prima che sia troppo tardi. “Aiutiamoli a casa loro”, magari sono i nostri dirimpettai.

P.s. Oggi mi andava di raccontarvi #unpodicazzimiei, ma non fateci l’abitudine. Un po’ di attenzione per questo genere di invisibili, almeno per 24 ore (che è il massimo che si può pretendere dai social). Buona giornata!

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbi maltrattati, non è un caso che questi fatti avvengano nei luoghi di maggiore vulnerabilità

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, Baglioni ci ha solo ricordato che Paese siamo diventati

next