La procura di Brema sconfessa la versione di Alternative für Deutschland (Afd) sull’aggressione al deputato Frank Magnitz avvenuta martedì ad opera di tre sconosciuti incappucciati. Il partito di ultradestra aveva parlato di un oggetto contundente cui Magnitz, 66 anni, sarebbe stato colpito. “Presumiamo che le ferite siano da attribuire alla caduta”, ha detto invece oggi, mercoledì, all’agenzia tedesca Dpa il portavoce della procura Frank Passade, dopo aver analizzato le riprese delle telecamere di sorveglianza.

Secondo la procura di Brema, i tre aggressori hanno spinto da dietro il politico, leader del partito nella città anseatica, che è caduto a terra sbattendo il volto. Magnitz non sarebbe stato picchiato anche una volta terra, come aveva sostenuto, e l’aggressione sarebbe stata molto veloce.

Il deputato, che mercoledì ha lasciato l’ospedale in cui era stato ricoverato, non ricorda nulla dell’accaduto, ma ammette che “potrebbe anche essersi trattato di un caso di rapina“, come dichiarato alla Bild. Parole diverse rispetto a quelle pronunciate a caldo dagli esponenti di Afd, secondo cui si sarebbe trattato di un “pestaggio politico motivato da una campagna d’odio“. Nessuno dei tre aggressori, nel frattempo, è stato ancora identificato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norvegia, moglie di milionario rapita da oltre 2 mesi: chiesto riscatto in criptovaluta. Polizia cerca testimoni

next
Articolo Successivo

Artico, Putin costruisce la nuova stazione Così Mosca studia i cambiamenti climatici per sfruttare la rotta del nord verso l’Asia

next