Almeno sei persone hanno perso la vita sul Storebæltsbroen – il ponte che collega l’isola di Fionia e quella di Selandia in Danimarca e conosciuto come “Great Belt” – a causa di un incidente ferroviario che ha coinvolto un treno merci e uno passeggeri. Come riporta l’emittente televisiva danese TV2, sono invece sedici le persone rimaste ferite nello scontro. Il numero delle vittime è stato confermato anche da un funzionario dell’AFP: “Possiamo confermare che sei persone sono morte”.

Secondo quanto riportano i media locali possibile causa dell’incidente sarebbe un telone del treno merci staccatosi da un convoglio che, a causa del vento, sarebbe stato scagliato contro alcuni vagoni del convoglio passeggeri. Per il portavoce della polizia danese, Arne Gram, invece si tratta ancora di un “oggetto non identificato”. Sul treno colpito viaggiavano circa 133 persone, fra cui tre macchinisti e controllori della Dsb. Tutti i passeggeri sono stati evacuati e trasportati in un centro raccolta allestito presso il centro sportivo di Nyborg. Chiuso il traffico ferroviario in entrambe le direzioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump, bugiardo ‘supersonico’. Sarà il 2019 l’anno della vendetta della verità?

prev
Articolo Successivo

Spagna, migranti nascosti in materassi sigillati per superare il confine: scoperti dagli agenti a Melilla

next