“Per conquistare me, i miei mariti avrebbero prima dovuto conquistare Susanna Agnelli (scrittrice, ex ministro e sorella di Gianni Agnelli, morta nel 2009 ndr)? No, non è vero, l’ha detto una ‘signora’ e mi ha messo in profondo imbarazzo”, spiega la nobildonna e regina dei salotti romani Marisela Federici, ospite dell’ultima puntata di ‘Belve’, il programma tv condotto da Francesca Fagnani venerdì 28 dicembre su Nove alle 22.45. Federici parla del suo speciale rapporto con la sorella dell’Avvocato: “Già è difficile raccontare un sentimento, perché ognuno lo vive a modo proprio, figurarsi scriverlo. Questa persona, non voglio dire chi sia, si è permessa di scrivere delle cose che io, con la mia genuinità, ho raccontato con il mio linguaggio da latinoamericana”. “Lei ha detto: ‘Suni (Susanna Agnelli ndr) è stata l’amore della mia vita‘”, insiste Fagnani. “È una persona a cui devo un’enorme gratitudine, perché è una persona che mi ha insegnato tantissimo, che ho visto più della mia vera madre, è la madrina dei miei figli, ma non esageriamo – puntualizza Federici – Poi delle persone morte non si parla, si ricordano con grande affetto”. “Insomma, ho capito che le ha dato fastidio che dicessero queste cose perché sembrava alludere ad altro, alludere a un rapporto diverso”, continua Fagnani. “Non me ne importa niente, possono anche alludere a quello che vogliono, però non è corretto anche perché la persona già non c’era più. Secondo me si sarebbe messa a ridere. Io ho sofferto molto proprio per questo – conclude la contessa – perché era una mancanza di rispetto”.

‘Belve’ (6 episodi da 30’) scritto da Francesca Fagnani con la collaborazione di Irene Ghergo, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Paola Turci a Francesca Fagnani: “Dicono che sono lesbica? Purtroppo mi piacciono gli uomini”

prev
Articolo Successivo

Belve (Nove), la contessa Marisela Federici: “Ho un metal detector in villa, utile anche per le mie feste”

next