Un funzionario della Motorizzazione Civile di Verona e il titolare di una nota autoscuola sono stati arrestati e altre 22 persone sono state denunciate nell’abito dell’operazione, denominata ‘Tic Tac‘, condotta dalla Polizia di Verona che ha portato allo scoperto un giro di ‘patenti facili’. Le indagini sono scaturite da due distinte segnalazioni circa i sospetti di alcuni candidati sulla regolarità degli esami. La sezione di Polizia giudiziaria della Procura e la Polizia stradale, coordinati dal Pubblico ministero Marco Zanatelli, hanno condotto insieme le indagini ed in oltre tre mesi hanno scoperto il ramificato giro di complicità. L’operazione ”Tic Tac” prende il nome dal singolare modus operandi utilizzato dal funzionario della motorizzazione che suggeriva le risposte corrette durante gli esami attraverso gli scatti di una penna mentre si trovava vicino al candidato da “aiutare”. Uno degli arrestati, titolare di diverse autoscuole nella bassa veronese, aveva rilasciato una lunga intervista al quotidiano locale per denunciare le presunte lungaggini della Motorizzazione civile nel rilascio dei documenti e le difficoltà nella programmazione degli esami per la patente.  In realtà non si trattava che dei tentativi del direttore della Motorizzazione di controllare l’azione sospetta che si era creata all’interno del suo ufficio. Anche il funzionario arrestato aveva fatto ricorso ai sindacati per essere riammesso nel ruolo di esaminatore dopo essere stato demansionato dal Direttore che anche in alcune intercettazioni veniva pesantemente apostrofato per l’azione anti corruzione che tentava di porre in essere. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati oltre 66mila euro in contanti e documentazione che è al vaglio degli investigatori per il seguito delle indagini. “Quello che abbiamo documentato è un fenomeno straordinariamente diffuso e che deve preoccupare tutti perché quella che è stata messa a rischio è anche e soprattutto la sicurezza stradale. Gli aiuti negli esami riguardavano anche le prove pratiche di guida dove il numero dei promossi da parte del funzionario arrestato arrivava a 221 promossi su 226” ha commentato il dirigente della Polizia stradale di Verona, Girolamo Lacquaniti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Baobab, i migranti sgomberati dormono per strada. Attivisti: “Temperature sotto lo zero, situazione sempre più dura”

next
Articolo Successivo

Pedofilia, Papa: “Ringrazio i media che hanno cercato di smascherare gli abusi”

next