Era ricercato dal 2011 e quattro anni dopo è stato identificato come la mente dell’attacco a Charlie Hebdo a Parigi e sospettato di essere stato anche in contatto con Amedy Coulibaly, l’autore dell’attacco contro l’Hyper CacherPeter Chérif, 36enne meglio noto con il nome di Abou Hamza, è stato fermato a Gibuti e sarebbe in corso la sua estradizione verso la Francia. Membro della rete di Buttes-Chaumont e tra i terroristi più ricercati al mondo, era amico dei fratelli Kouachi, responsabili dell’attentato al giornale satirico in cui furono uccise 12 persone.

Chérif è noto ai servizi francesi per aver combattuto in Iraq nei primi anni 2000. Condannato nel luglio 2006 a quindici anni di carcere per “aver attraversato il confine illegale” in Iraq, è scappato dal carcere di Badouche, a nord da Mosul, dove stava scontando la sua pena. Successivamente, l’uomo fu nuovamente arrestato e consegnato alle autorità francesi. Lasciato in libertà in attesa di giudizio, riuscì a fuggire l’ultimo giorno del suo processo, nel gennaio 2011. I servizi francesi troveranno Peter Chérif quattro mesi dopo nello Yemen. Si è poi unito alle fila di al-Qaeda nella penisola arabica (Aqpa, dove avrebbe sparato i fratelli Kouachi e il loro amico Salim Benghalem).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ungheria, parla il deputato malmenato: ‘Finita illusione di essere una democrazia regime di Orbán fondato sulla corruzione’

next
Articolo Successivo

Algeria, boom delle nascite. Ma il futuro non sembra così roseo

next