Licenziato perché “le sue storie erano falsificate in larga misura e i protagonisti inventati“. Con questa motivazione il settimanale tedesco Der Spiegel ha allontanato dalla propria redazione il 33enne Claas Relotius, eletto giornalista dell’anno dalla Cnn nel 2014 e citato da Forbes come giovane di talento nel settore media. Il giornalista ha ammesso di averlo fatto “per paura di fallire“. Secondo le sue parole sono 14 le storie falsificate almeno in parte.

I fatti sono stati accertati da una sorta di contro-inchiesta partita dall’interno della stessa redazione. “Verità e menzogna – scrive il settimanale rivolto ai lettori – erano mescolate nei suoi pezzi. Alcuni erano soltanto impreziositi con particolari, altri completamente falsi”.  La storica rivista che vanta la maggiore tiratura in Germania tra i settimanali, ha definito il 33enne come un talento della scrittura, ma “non è un giornalista“. “Adesso – afferma il vice capo-redattore Dirk Kurbjuweit – saremmo classificati all’interno del dibattito pubblico sulle fake news. Con questo ci dobbiamo confrontare”.

Relotius -collaborava con la testata di Amburgo dal 2011. Come riferisce la rivista tedesca, il giovane ha scritto “55 articoli per Der Spiegel, tre tradotti in inglese e pubblicati sul sito web, oltre ad altri 18 che sono stati distribuiti ai clienti”. Class Relotius ha lasciato la redazione lunedì scorso.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Spagna, prof 26enne violentata e uccisa dal vicino di casa. “L’ho aggredita in un vicolo cieco, legata e spogliata”

next
Articolo Successivo

Ungheria, parla il deputato malmenato: ‘Finita illusione di essere una democrazia regime di Orbán fondato sulla corruzione’

next