Sono state trovate con profondi tagli sulla gola, sgozzate e uccise, riportano alcuni giornali locali, dopo essere state violentate. La notizia arriva dal Marocco, vittime due turiste scandinave. Le autorità del paese hanno arrestato un sospetto, ma, fa sapere il ministero dell’Interno di Rabat, sono ancora in corso le ricerche di altri possibili indiziati.

Le due giovani ragazze, la norvegese Maren Ueland, 28 anni, e la danese Louisa Vesterager Jespersen, 24, avevano deciso di girare, zaino in spalla, lo Stato del nord Africa per raggiungere  il monte Toubkal, altura di 4000 metri da cui “si vede tutto”. I loro corpi sono stati trovati lunedì in una tenda dove le due si erano accampate, a una decina di chilometri dal centro di Imlil, il villaggio da dove normalmente si parte proprio per il trekking verso il monte più alto dell’Atlante. Presentavano “segni di violenza sul collo”, inflitti con “un’arma bianca”, secondo quanto ha reso noto il ministero dell’interno marocchino. Per il sito Al Arabiya, inoltre, le due ragazze sono state anche stuprate.

Maren e Louisa studiavano in un’università del sud della Norvegia, dove si erano conosciute, e il loro viaggio sarebbe dovuto durare un mese. “Mia figlia è stata sgozzata”, ha dichiarato Helle Petersen, la madre della vittima danese, citata dal quotidiano B.T.. “Era così brava, la sua priorità era la sicurezza, le ragazze hanno preso ogni precauzione prima di intraprendere questo viaggio”, ha assicurato Irene Ueland, la madre della ragazza norvegese che ha raccontato anche di aver sentito per l’ultima volta la figlia lo scorso 9 dicembre.

Il sito turistico intanto è stato chiuso e circondato da un cordone di sicurezza così da facilitare le ricerche di indizi da parte della polizia marocchina. “È un duro colpo per la regione. Ci saranno sicuramente delle cancellazioni”, ha detto all’Afp una guida locale, Hussein. Proprio nel periodo natalizio, infatti, si registrano le affluenze maggiori.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marò, udienza del Tribunale arbitrale nel luglio 2019: sentenza entro sei mesi

next
Articolo Successivo

Scontro furioso tra Theresa May e il leader laburista Corbyn. Poi mentre lui è inquadrato: “Stupid woman”

next