Lo hannoa aggredito in sei, in centro città, mentre stava andando a lavorare. È quello che è successo a un ventenne che lavora in uno studio di parrucchieri di Vittoria, in provincia di Ragusa. “Dammi quel telefono frocio, che devo fare una telefonata”, gli hanno urlato mentre camminava. Lui ha rifiutato ed è scattata l’aggressione del branco: sei ragazzi, probabilmente minorenni, lo hanno picchiato con pugni alla testa, al viso e al torace.

Hanno smesso solo quando il titolare di una pizzeria è intervenuto mettendolo in salvo nel suo esercizio. Il ragazzo è stato portato in ospedale, per essere medicato: ha contusioni alla testa, allo zigomo destro a al costato, giudicandolo guaribile in cinque giorni. Nell’esposto, presentato insieme al suo legale, l’avvocato Nunzio Valerio Palumbo, il 20enne ricostruisce un mese di paura: “È da tempo – ha sostenuto – che mi pedinano e mi insultano, gridandomi ‘frocio, frocio‘, e mi hanno anche sputato addosso. Questa escalation mi fa paura, e temo per la mia incolumità”. Indagini sono state avviate dalla squadra mobile della Questura di Ragusa.

“Ero al telefono, ma li sentivo bene. Uno di loro mi si avvicina e mi chiede in prestito lo smartphone. Mi sono rifiutato e mi ha prima spintonato e poi mi ha dato uno schiaffo. Non potevo accettare questa umiliazione e ho reagito”, ha poi ricostruito il ragazzo all’edizione palermitana di Repubblica. A quel punto si è scatenato il pestaggio. “Non ho capito più nulla. Si sono scagliati tutti su di me. C’era chi mi teneva, chi mi colpiva con pugni alla testa, chi mi dava cazzotti alla pancia. Fino a quando un sant’ uomo si è messo in mezzo”. Cioè il titolare della pizzeria. “Lo ringrazio e lo stimo per il coraggio che ha dimostrato”, dice la vittima del pestaggio omofobo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonio Megalizzi, se volete capire chi era ascoltatelo: meritava d’essere conosciuto per il suo talento non per un proiettile

prev
Articolo Successivo

Sanità, nuova governance farmaceutica: freno a medicinali fotocopia in fascia A. Grillo: “Così si risparmiano due miliardi”

next