“La guerra è cominciata oggi, ma proseguirà in tutte le sedi”. È questa la “minaccia” di Giorgio Ambrogioni, presidente della Cida (Confederazione dirigenti privati e pubblici), una delle associazioni che venerdì 14 dicembre si sono riunite al teatro Nuovo di Milano per protestare contro il taglio delle pensioni d’oro annunciato dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio. “Ho pagato fino all’ultimo centesimo la mia pensione. Mi trasferirò in un paese dove la fiscalità è più vantaggiosa”, dice Michele Poerio, presidente del Forum nazionale dei pensionati. “Il tenore di vita della mia famiglia ha un certo standard che io devo mantenere e che lo Stato mi deve fare mantenere, perché ho sempre versato i contributi”

di Luigi Franco e Paolo Tani

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Martina: “Dialogo coi vertici del M5s? Fantapolitica. I vertici sono totalmente succubi della propaganda di Salvini”

next
Articolo Successivo

Manovra, Di Maio: ‘Deficit-Pil a 2,04%? Nessuna retromarcia’. Poi scherza: ‘Numeri per confondere? Non ci sopravvalutate’

next