“Candidarmi con Matteo Salvini? Ci sto pensando, lui è l’ultima speranza. Alla mia festa di compleanno è arrivato con un bel mazzo di rose”. A Belve, Nunzia De Girolamo (ex ministro di centrodestra) rivela la rottura con Silvio Berlusconi: “Forse non l’ho mai detto, ma Forza Italia non è più casa mia, non può più esserlo – rivela l’ex deputata – il giorno dopo la mancata elezione, io mi aspettavo una telefonata dai vertici del mio partito”. “Si candiderà con Matteo Salvini?” , chiede la giornalista, “Ci sto pensando. Non mi aspettavo che questo ragazzo avrebbe sfidato e sconfitto Berlusconi. E’ il primo a farlo: allora come faccio a non guardarlo con attenzione”. “Salvini si è presentato alla sua festa di compleanno con un mazzo di rose rosse, quante?” – domanda la Fagnani – “Non le ho contate, ma era un bel fascio di rose”- racconta la festeggiata – “Le ha portate lui?” – insiste la giornalista – “No, hanno anticipato il suo arrivo”, ricorda De Girolamo. “Suo marito Boccia si è ingelosito?”- continua Francesca Fagnani – “No! – afferma Nunzia De Girolamo – perché lui è assolutamente indifferente ad ogni forma di genere umano, in quanto è un uomo molto sicuro di sé e soprattutto sicuro dell’amore che io provo per lui”. “E fa bene?” – chiede la conduttrice – “A lungo andare non lo so – risponde la De Girolamo – a tirare la corda prima a poi si spezza…”.

“Belve” (6 episodi da 30’) scritto da Francesca Fagnani con la collaborazione di Irene Ghergo, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Nunzia De Girolamo: “Mio marito non è sincero nella coppia, lo perdono ma se tira troppo la corda lo faccio piangere come la Fornero”

prev
Articolo Successivo

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che il 5 Stelle Dall’Osso è passato a Forza Italia in nome dei diritti dei disabili?

next