L’uomo che ha sparato ai mercatini di Natale a Strasburgo è un 29enne, schedato in Francia come radicalizzato islamico. Dopo aver sparato, uccidendo tre persone e ferendone altre 12, è stato ferito in uno scontro dai soldati dell’operazione Sentinelle. È fuggito su un taxi e le forze dell’ordine gli stanno dando la caccia. La sezione antiterrorismo della procura di Parigi è stata incaricata delle indagini; la procura ha aperto un’inchiesta per “omicidi, tentati omicidi in relazione ad azione terroristica e associazione a delinquere terroristica criminale”. Il giornale francese Est Republicain ha diffuso una fotografia che ritrarrebbe il volto dell’uomo, affermando sia stata confermata da una fonte di polizia. I media hanno identificato il sospettato come Chérif C., nato il 4 febbraio 1989 e condannato nel 2011 a due anni di carcere per aver aggredito un 16enne con un coccio di bottiglia.

Nato a Strasburgo, avrebbe origine magrebina, dice Europe 1 citando fonti di polizia e prefettura. La ‘fiche S’ per radicalizzazione, cioè persona potenzialmente pericolosa per lo Stato, gli è stata assegnata nel 2016. La radicalizzazione islamica sarebbe avvenuta in una delle permanenze in carcere, dove è stato rinchiuso più volte. Era stato anche segnalato dalla direzione generale della sicurezza interna per proselitismo religioso. Alle spalle il 29enne ha 20 condanne per reati comuni, ha scritto Le Figaro, tra cui per rapine, furti, violenze, danni.

È stato condannato sia in Francia sia in Germania. “Ha un casellario molto pesante”, ha detto il sottosegretario di Stato del ministero dell’Interno, Laurent Nunez, parlando a France Inter. Ha anche aggiunto che la sua radicalizzazione veniva considerata limitata alla pratica religiosa, senza segnali che facessero pensare l’uomo sarebbe passato all’azione. Poche ore prima di compiere l’attacco, il sospettato era sfuggito a un tentativo di fermo. Le forze dell’ordine durante la mattina avevano cercato di catturarlo in relazione a una rapina con tentato omicidio, legato a estorsione e contraffazione. Altre quattro persone sono state prelevate a Eckbolsheim, a est di Strasburgo ma lui non è stato trovato. Nella sua abitazione, durante le perquisizioni, sarebbero stati trovati almeno una granata, un’arma da fuoco e dei coltelli

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Strasburgo, la diretta. Due morti, è caccia all’uomo: si cerca 29enne radicalizzato. Killer è fuggito in taxi

next
Articolo Successivo

Antonio Megalizzi, un giornalista italiano tra i feriti dell’attentato a Strasburgo. Papà fidanzata: “È in coma, inoperabile”

next