C’è la Turchia del pil galoppante (ma disoccupazione alle stelle). E quella che fa shopping di brand, con l’ acquisto da acquolina in bocca della Pernigotti, storica azienda torinese fondata nel 1860, un anno prima dell’unità d’Italia e fornitrice ufficiale della Real Casa, adesso destinata a trasferirsi in Turchia lasciando a casa 100 dipendenti. Mamma li turchi. E poi c’è quella di Generoso e Roberto Di Meoinventori del format Party Itinerante. Hanno accolto i loro 800 invitati al Ciragan Palace di Istanbul, costruito tardo ottocento. Perché il sultano voleva lasciare la propria impronta architettonica piuttosto che andare a vivere nelle antiche residenze degli antenati.  Un po’ come se le discendenze di Louis XIII avessero preteso ognuno di loro la propria Versailles. Lo scenario del Ciragan era sontuoso, scaloni di marmo bianco e arabeschi, terrazze spalancate sul Bosforo, la cerniera tra due mondi, occidentale e orientale. E’ questo il leit motif  scelto dai De Meo brothers. Tammurriate e dervisci rotanti. Maccheroncelli veraci e dolme ripiene e speziate. Tazzulella ‘e cafè contro caffè alla turca. 

Fa notare Generoso che molti termini vengono dalla lingua ottomana come casacca (da kuzak), lunga giacca militare dei cavalieri; il chiosco, da köşk  padiglione del palazzo del sultano; il casinò, da cazna che significa tesoro del sultano (ancora oggi si dice in veneziano Farse el casnà, farsi il gruzzolo); il sorbetto, dal turco şerbet, ovvero bevanda fresca; il tulipano, la cui forma evoca l’enorme turbante dei dignitari imperiali, il tülbent. Per non dire, come ben noto, del caffè, in turco kave, che arriva a Istanbul dall’Etiopia sul finire del Quattrocento prima di sbarcare a Venezia e finire tra colte citazioni come “acqua negra” ( vedi sotto).

La formula inventata dai fratelli Di Meo serve a promuovere le eccellenze vinicole della loro terra irpina. Da coniugare con il calendario che porta sempre la firma del maestro Massimo Listri. Un Cult Cal, da collezionista. Giunto alla 17esima edizione: ogni anno si sceglie una capitale ( Londra, Parigi, Vienna, Mosca, Varsavia, Berlino, Madrid…). Dal golfo di Napoli al Bosforo, la stessa culla del Mediterraneo, un viaggio di musica, cinema, danze, mare e preghiere. Listri ha immaginato un itinerario visivo che conduce dai palazzi dei decumani cristiani ai quartieri antichi dell’islam. Fotografie che parlano che riassumono emozioni e personaggi: dal Topkapi Palace al dipinto dell’Ambasceria turca a Napoli, dalla Moschea Kilic Ali Pasa al Ballo dell’ape nell’harem conservato nel Museo di Capodimonte. Dal Palazzo di Venezia (sede dell’ex ambasciata italiana a Istanbul), agli hamam, passando per la Cisterna Basilica di Sultanahmet.  Nel giro in battello c’era Vittorio Sgarbi che illustrava alla sua corte di fedelissime le meraviglie architettoniche “turchesche”. Davanti a tanta sapienza le  signore si  prostrano in segno di devozione  (vedi foto). Ed ecco coniato il termine ad hoc: le inginocchiate.

Giuseppe Colombo ha omaggiato gli ospiti con  calze “Gallo” in filo di Scozia, impreziosite con stampe di fregi dorati ottomani. Edizione speciale per ribadire il concetto del made in Italy.E ne ha fatta di strada  l’ “Associazione culturale De Meo Vino ed Arte”, presieduta da Generoso, già insignito dalla Camera dei deputati dell’Italian Talent Award per il suo ruolo di ambasciatore del made in Italy.

E lo chiamano l’Armani turco, visto che ha disegnato le uniformi della Turkey Airlines, compagnia di bandiera, in pieno rispolvero (tariffe da low cost, ma ottimo servizio a bordo…) Ettore Bilotta, couturier milanese, che veste di abiti fruscianti con gioco di veli, dame e sultanine del jet set turco.
Ma la festa non è finita. Anzi comincia adesso. Nel senso che già sono iniziati i preparativi per il prossimo ballo. Dove? Quando? Ogni anno scartate una marea di location. Per la diciotessima edizione (ebbene sì, il Gala Di Meo diventa maggiorenne) la partita se la giocano il magico Oman e una capitale nordica dalle cangianti sfumature dell’aurora boreale. Le signore quatte quatte già si informano della futura destinazione. Pronte a mettere in atto tecniche dell’imbucarsi. Così fan tutte (quasi).

“Hanno i Turchi costumi molto differenti dai nostri, anzi molti, bisogna dire, in tutto contrari … portare li morti a seppellire senza luminari … vestirsi con la camicia fuori del calzone, e tante altre cose che sarebbe troppo lungo a narrarle… costumano molti, per poter vivere allegri, di bere ogni mattina una certa ‘acqua negra’ fatta con l’oppio la quale suole levarli da ogni pensiero, ed insieme dal buon sentimento”.
Costantino Garzoni, 1573

Instagram januaria_piromallo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Teatro San Carlo, la madre di tutte le Prime. Il ritorno a Napoli del figliol prodigo, Riccardo Muti, dopo 34 anni. E il palco reale si fa “politico”. En attendant quella scaligera…

prev
Articolo Successivo

Un trasgressivo Robert Mapplethorpe mette in riga i giovani al Madre (e i napoletani imparano a fare la fila)

next