Matteo Renzi dovrebbe chiarire se vuole andare via dal Pd? Aspettiamo, dica quello che ritiene più utile. Ma serve restare unitichi divide il partito fa male all’Italia“. Così il candidato alla segreteria dem e segretario uscente, Maurizio Martina, dopo il ritiro della candidatura di Marco Minniti, sul quale ha pesato il disimpegno dell’ex premier e dei suoi fedelissimi. “Lui ha fatto una scelta personale, non va strattonato”, ha aggiunto Martina. Per poi insistere nel voler allontanare lo scenario di una scissione dei renziani, sempre più concreta e non smentita dal diretto protagonista: “Non voglio pensarci all’ipotesi di un addio di Renzi, sto a quanto viene detto. Ma la nostra storia ci dice che dobbiamo restare uniti, per rispetto dell’elettorato. Io ricordo il grido ‘unità, unità‘ di Piazza del Popolo” e questo ricordo deve valere per tutti”. Ma sul ‘disimpegno’ dell’ex segretario – che ha spiegato di “non volersi occupare del Pd, ma del Paese” – Martina ha rivendicato: “Irresponsabile l’atteggiamento di Renzi? Serve più impegno di tutti, per costruire l’alternativa e cambiare il Pd”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini-Spataro, la procura di Torino: “Operazione contro mafia nigeriana conclusa il 5 dicembre. Sei i latitanti”

prev
Articolo Successivo

Rocca Cencia, Arpa boccia altro impianto rifiuti. Assessore M5s in Municipio alla giunta Raggi: “Si diano una svegliata”

next