“Non si può vivere così”. Aveva ragione il ministro dell’Interno Matteo Salvini quest’estate quando visitò la baraccopoli di San Ferdinando, nella piana di Gioia Tauro. Non si può nemmeno morire bruciati da un focolare come è accaduto per Suruwa Jaithe, ammazzato dall’indifferenza di chi lascia che in un Paese civile vi sia una baraccopoli alla pari di quella di Korogocho a Nairobi. La morte di questo 18enne è il primo vero fallimento del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Quest’estate era arrivato alla tendopoli in camicia bianca e l’aveva girata accompagnato dalle forze dell’ordine. Si era concesso anche un sorvegliato dialogo con i giovani neri che abitano la tendopoli. Aveva usato parole amare: “Questi vivono in questa schifezza. Qui dormono in 15? Promettiamo che civiltà e legalità devono tornare due parole d’ordine. Non si può vivere così”.

Suruwa se n’è andato a 18 anni compiuti da poco. Non viveva nemmeno lì. Arrivato dal Gambia da solo ancora minorenne, da tempo era inserito nel progetto Sprar di Gioiosa Ionica, sulla costa jonica reggina, a una cinquantina di chilometri da San Ferdinando. Partecipava alle attività, era l’anima di un laboratorio artistico, che qualche tempo fa gli è valso anche un premio del sindaco. Ma molti dei suoi amici e parenti non erano riusciti a entrare nel circuito dell’accoglienza. L’Italia aveva riservato loro solo la possibilità di arrangiarsi sotto le tende nella zona di San Ferdinando e di vendersi ogni mattina come braccianti a giornata per un euro a cassetta di arance. Suruwa ogni tanto tornava lì dagli amici.

Qualche giorno dopo Salvini, anch’io ho visitato la baraccopoli di San Ferdinando con un gruppo di giovani universitari. Un inferno inimmaginabile. Un girone dantesco che alimenta l’economia locale, visto che chi vive lì lavora sfruttato e i “caporali” preferiscono avere un negro che un italiano a raccogliere i pomodori. Una situazione conosciuta e tollerata da tutti. Il campo è presidiato da uomini della Polizia e dei Carabinieri. San Ferdinando non è un problema semplice da risolvere, ma qualcosa si poteva fare nel frattempo. Quest’estate mi son chiesto: ma perché non c’è almeno un’ambulanza qui? Perché non c’è una camionetta dei Vigili del fuoco? La morte di Suruwa è il fallimento della politica di un ministro che alza la voce, che fa propaganda per poi lasciare tutto come prima. Anzi per peggiorare la situazione, visto che tra poco ci troveremo altre San Ferdinando in Italia.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Cuba, Miriam Nicado prima rettrice dell’università dell’Avana. In Italia solo 6 donne ai vertici degli atenei

next