“Chiuderemo il confine” con il Messico “in modo permanente, se necessario”. Il giorno dopo l’assalto tentato da gruppi di migranti della carovana proveniente dal centro America al confine vicino Tijuana per entrare negli Stati Uniti, Donald Trump torna a puntare il dito contro Città del Messico e invita il Congresso a elargire i fondi per la realizzazione del muro. Le autorità messicane “dovrebbero rimpatriare nei loro Paesi quei migranti che sventolano le bandiere – ha scritto il presidente degli Stati Uniti su Twitter – molti dei quali sono spietati criminali. Lo facciano con gli aerei, con i bus o come vogliono, ma quelle persone non entreranno mai negli Stati Uniti”.

Domenica gli agenti Usa di frontiera hanno arrestato 42 migranti, ha riferito alla Cnn il capo dei Border Patrol Agents Rodney Scott, secondo il quale numerose persone sono riuscite ad attraversare il confine senza essere arrestate. Lunedì l’autorità americana per le dogane e la protezione dei confini (CBP) ha disposto la riapertura del valico di confine di San Ysidro, al confine con il Messico, dopo la chiusura decisa domenica in seguito all’assalto. In una serie di tweet la CBP di San Diego ha annunciato che il valico è riaperto alle auto in direzione nord e sud e al passaggio pedonale.

Le autorità messicane hanno reso noto che verranno rimpatriati i circa 500 migranti, appartenenti alla cosiddetta carovana, che hanno tentato di prendere d’assalto il confine. Il gruppo è stato arrestato dopo aver cercato di attraversare il confine “illegalmente” e in “modo violento” domenica, ha detto il ministero dell’interno del Messico in una dichiarazione, spiegando che quelli identificati come partecipanti a questi “eventi violenti” saranno rimpatriati immediatamente.

La sequenza video mostra decine di persone – tra cui donne e bambini – che corrono verso la recinzione che separa i due paesi vicino alla città di Tijuana. Gli ufficiali di frontiera degli Stati Uniti hanno usato i gas lacrimogeni per respingerli. “Nonostante la complessità del problema – ha inoltre reso noto il ministero dell’Interno messicano – e coerentemente con la politica interna di rispetto dei diritti umani e della non criminalizzazione del fenomeno migratorio, il Messico non dispiegherà forze militari al confine”. Sul lato americano del confine, riportano i media statunitensi, i migranti arrestati sono almeno 42.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Zelanda, strage di balene sull’isola di Stewart: oltre 140 esemplari morti in uno spiaggiamento massa

next
Articolo Successivo

Russia-Ucraina, Kiev approva la legge marziale per 30 giorni: “Mosca minaccia l’invasione di Mariupol e Berdyansk”

next