“La mia candidatura finirà per avvantaggiare Marco Minniti e quindi Renzi? Noi vogliamo rompere gli schemi, dove sta scritto che dobbiamo decidere per gli elettori?”. Maurizio Martina, lanciando la sua corsa alle prossime primarie del Partito democratico, si smarca dal rischio di fare un assist all’ex ministro dell’Interno, appoggiato dai renziani, tenendo tutti sotto al 51% dei consensi. E finendo così per lasciar decidere il prossimo segretario all’Assemblea dem, regolamento alla mano. “Non servono né abiure, né distinguo, sono convinto che si possa fare un lavoro nuovo. Né serve un Congresso-referendum che riproponga la logica ‘pro’ o ‘anti'”, è convinto Martina. Per poi attaccare la passata gestione dem, del quale fu però protagonista come vicesegretario, prima di succedere a Renzi ai vertici: “L‘Io ci ha fatto male, il ‘noi’ è il futuro“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anticorruzione, Sgarbi furioso in Aula: “Vergogna, la politica muore con questa legge del cazzo”

next
Articolo Successivo

Manovra, Conte: “Raccomandazioni Ue sono incompatibili con la crescita”

next