Ci siamo.
Oggi la Ue boccerà la manovra.
Che fare?
Noi niente, ma è proprio in questi momenti che ci si rende conto di non contare niente, quindi non ci resta che postare sui social.
Inutilmente.
Inizio io.

La cosa che più preoccupa tutti è lo spread a 320.
Pazzesco.
Non so se lo avete notato, ma ieri faceva proprio freddo.
Era lo spread.
Oggi si sta meglio, ma quanto durerà?
E allora che il governo faccia in modo che si abbassi lo spread che le maniere ci sono.

Una è che questo governo se ne vada, che al suo posto vengano messi dei tecnici che facciano il loro dovere, quindi: niente reddito di cittadinanza, niente abbassamento delle tasse, niente quota 100, inasprimento legge Fornero, impoverire ceto medio, impoverire poveri, impoverire ricchi, Iva almeno al 23%, tassare di più tutto, Imu sulla prima casa, Imu sull’intenzione di acquistare casa, privatizzare più roba possibile, aumentare prezzi di tutto, Black Friday tutti i venerdì, togliere pensione di reversibilità, mettere un tetto massimo di pensione a 3.000 euro netti, multe dell’autovelox più care, supermercati aperti 24 ore su 24, piccole botteghe aperte 28 ore su 24, aumento dell’orario di lavoro settimanale da 40 a 48 ore settimanali con aumento di stipendio di 2 euro. Robe così.

Questo è lo scenario migliore per far scendere lo spread, oppure si cazzeggia fino al 6 gennaio, poi si va alle elezioni e finalmente governa il centrodestra con Salvini, Berlusconi, la Meloni e quell’altro. Ridendo e scherzando è già estate e fa caldissimo, scoppia l’afa, ma almeno lo spread è a 200. Vuoi mettere?

Dai, dai, forza Europa per essere liberi, per fare e per crescere c’è il grande orgoglio in noi di appartenere a te, ad una gente che rinasce con noi nella tua storia un’altra storia c’è la scriveremo noi con te.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hiv, Londra si avvicina allo zero ma in Italia aumentano i casi. Colpa (anche) della legge

next
Articolo Successivo

Uccidere comporta una scelta e non sempre c’entra la depressione

next