“Rimaniamo dell’idea che la trascrizione all’anagrafe dei bimbi nati da coppie omosessuali sia un passo in avanti, mentre la posizione di Salvini rappresenta un passo indietro”. La sindaca di Torino Chiara Appendino, intervenuta questo pomeriggio all’apertura del XVI Congresso Nazionale dell’Arcigay, commenta così la posizione del vicepremier Matteo Salvini sul tema dei diritti delle coppie omosessuali. “Sono orgogliosa della nostra forzatura, ma adesso serve una norma che regoli questo tema” racconta la sindaca che ha raccolto gli applausi dalle centinaia di persone che da tutta Italia stanno partecipando al congresso. “Sappiamo qual è la posizione della Lega a livello nazionale – racconta il segretario nazionale Arcigay Gabriele Piazzoni – ma il Movimento 5 Stelle oggi ha smesso di esprimersi, noi vorremmo che contrastasse la piega che sta prendendo il governo su questi temi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Consulta: “Divieto d’aiuto al suicidio non è contro la Carta. Ma legge consideri pazienti compromessi”

next
Articolo Successivo

Molestie, Boldrini propone una legge per i fenomeni di odio sul web e l’istituzione del reato di ‘revenge porn’

next