Bagarre in Aula nel corso del voto sul decreto Genova. I tempi si sono allungati rispetto alle previsioni, con il M5s che ha attaccato il Pd di voler fare ostruzionismo. “Non siamo contro il decreto, ma contro lo scandalo di un condono edilizio a Ischia, nel collegio del ministro Di Maio“, ha replicato Ettore Rosato, invitando la maggioranza a eliminare il provvedimento. In caso di emendamento sospensivo sulle norme di Ischia, ha rivendicato il Pd, i lavori procederebbero poi in modo rapido. A replicare è stato il capogruppo pentastellato Francesco D’Uva: “Noi non pretendiamo che il decreto possa piacere alle opposizioni, ma diciamo che qui sono state dette cose non vere. Parlare di condono a Ischia non è corretto, non è corretto che sui fanghi aumentiamo l’inquinamento. Il decreto c’è, è atteso e il M5s non vuole più perdere tempo e lo vuole approvare. Perdere tempo non serve a nessuno”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tav, Tria: “Prematuro quantificare l’impatto di uno stop”. E FI insorge con cori e cartelli: “Dateci l’alta velocità”

next