Bagarre in Aula nel corso del voto sul decreto Genova. I tempi si sono allungati rispetto alle previsioni, con il M5s che ha attaccato il Pd di voler fare ostruzionismo. “Non siamo contro il decreto, ma contro lo scandalo di un condono edilizio a Ischia, nel collegio del ministro Di Maio“, ha replicato Ettore Rosato, invitando la maggioranza a eliminare il provvedimento. In caso di emendamento sospensivo sulle norme di Ischia, ha rivendicato il Pd, i lavori procederebbero poi in modo rapido. A replicare è stato il capogruppo pentastellato Francesco D’Uva: “Noi non pretendiamo che il decreto possa piacere alle opposizioni, ma diciamo che qui sono state dette cose non vere. Parlare di condono a Ischia non è corretto, non è corretto che sui fanghi aumentiamo l’inquinamento. Il decreto c’è, è atteso e il M5s non vuole più perdere tempo e lo vuole approvare. Perdere tempo non serve a nessuno”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Tria: “Prematuro quantificare l’impatto di uno stop”. E FI insorge con cori e cartelli: “Dateci l’alta velocità”

prev
Articolo Successivo

Pd, Orfini convoca l’Assemblea per il 17 novembre: accolta richiesta dei renziani

next