Maurizio Martina si è dimesso da segretario del Pd. Come aveva già annunciato domenica a Milano, l’ex ministro al Nazareno ha formalizzato il suo addio alla segreteria del Partito democratico. In una lettera inviata all’Ufficio di presidenza, Martina ricorda di aver “assolto il mandato” affidatogli a luglio con “una serie di obiettivi utili alla ripartenza del Pd”. E sottolinea soprattutto l’importanza di convocare “a breve” l’Assemblea. Per lui, aveva spiegato a Milano, la prima data utile è il prossimo 11 novembre. La prima reazione tra i big è quella di Marco Minniti: “Considero molto positivo l’avvio del percorso congressuale e ringrazio Martina per la generosità con cui ha svolto un compito tutt’altro che facile in questi mesi complicati”, dice a Democratica. “Al contempo – aggiunge – auspico che sia occasione vera e profonda per fare un passo avanti nell’allontanare dal governo della nazione questa pericolosissima coalizione della paura“.

I temi contenuti nella lettera di Martina ricalcano il suo discorso al Forum nazionale del 27 e 28 ottobre. C’è l’accento sulla necessità di un’immediata fase congressuale, ma anche la sottolineatura sulle caratteristiche che, secondo l’ex segretario, il Pd deve avere per essere “alternativa delle forze che oggi governano”. Quindi, a suo parere, si riparte dai “territori”, dalla “manifestazione di Piazza del Popolo”, dal “riformismo radicale” e da un partito che sia “aperto” e “plurale”. L’idea di un ‘listone’ del centrosinistra che vada “oltre il Pd” già lanciata due giorni fa e ribadita anche in vista del prossimo appuntamento elettorale: “Le cruciali elezioni europee di fine maggio 2019″.

LA LETTERA
“Caro Presidente, ritengo assolto il mandato affidatomi dall’Assemblea nazionale il 7 luglio scorso quando, eleggendomi, indicava per la mia Segreteria una serie di obiettivi utili alla ripartenza del PD dopo la sconfitta elettorale di marzo”, si legge nella lettera. “Faccio quindi seguito agli impegni presi, dimettendomi dall’incarico di Segretario e chiedendoti di poter convocare a breve l’Assemblea stessa per gli adempimenti conseguenti. Fino a quel momento garantirò ovviamente per la mia parte un ordinato lavoro di tenuta in attesa delle nuove deliberazioni”, scrive Martina.

Per l’ormai ex segretario “in questi mesi complessi” il Pd è riuscito “a impostare il percorso d’impegno necessario ai democratici per passare dall’opposizione all’alternativa delle forze che oggi governano pericolosamente il Paese”. “Siamo tornati in tanti territori, abbiamo cercato di rilanciare l’idea di un partito fianco a fianco alle persone che vogliamo rappresentare, pensando prima di tutto a chi ha di meno e a chi sta peggio“, sostiene Martina.

Poi ricorda, come già aveva fatto a Milano, la manifestazione di Piazza del Popolo a Roma, dove “abbiamo dato voce alla comunità democratica che vuole combattere per un’Italia migliore. Con il Forum di Milano abbiamo cercato di mettere in chiaro gli impegni del nostro riformismo radicale: emancipazione, cittadinanza, ecologia, Europa. Sono davvero convinto che lo spazio dell’alternativa nel paese sia largo e che tocchi ora al PD muovere l’iniziativa in modo aperto, unitario e plurale“. Martina fissa anche qual è il prossimo appuntamento cruciale, dopo la fase congressuale: “Oggi è giusto definire la nuova fase di questo percorso pensando innanzitutto alle prossime scadenze elettorali e in particolare alle cruciali elezioni europee di fine maggio 2019. Ne va del destino europeo e della nostra democrazia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, il ministro Bonafede: “Emendamento al ddl Anticorruzione per bloccarla dopo il primo grado”

prev
Articolo Successivo

Il Qatar fiancheggia i terroristi, anzi no. Salvini cambia idea (ora che gli serve)

next