Ha appena vinto il titolo mondiale, ma ancora non si ferma. Marc Marquez scatterà dalla pole anche nel Gran Premio di Australia, terz’ultima prova della MotoGp. Per lo spagnolo si tratta della sesta pole stagionale, la quinta consecutiva. Sul circuito di Phillip Island, bagnato da una leggera pioggia, con la sua Honda ha fermato il cronometro a 1’29.199, precedendo di ben 310 millesimi il connazionale della Yamaha Maverick Vinales e di 506 millesimi il francese Johann Zarco (Yamaha Tech3). In seconda fila, staccato di 513 millesimi, il migliore degli italiani, Andrea Iannone. Ottima la prova anche dell’altra Suzuki, con Alex Rins quinto. Jack Miller con la Ducati dell’Alma Pramac Racing è settimo.

Apre la terza fila invece Valentino Rossi che questa volta ha fatto peggio del suo compagno e ha girato un secondo più lento di Marquez. Accanto a lui scatteranno altri due italiani su Ducati: Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso, solo nono a 1.320. Chiude la top ten il malese Hafizh Syahrin.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, dal cugino di Gentiloni ai giovani dem: gli uomini di Zingaretti per scalare il partito. Con stipendio della Regione Lazio

next
Articolo Successivo

MotoGp Australia, Yamaha torna a gioire con Vinales. Iannone-Dovizioso sul podio. Marquez e Zarco: scontro a 300 km/h

next