Timbravano il badge per i colleghi che, intanto, pranzavano con amici, facevano la spesa o acquistavano fiori e piante. La Guardia di finanza ha monitorato gli spostamenti di nove dipendenti di una scuola superiore di Cremona e ha certificato atti illeciti contro la pubblica amministrazione: tra i colleghi c’era una sorta di copertura reciproca, per cui chi era nell’istituto “strisciava” il cartellino degli assenti. Per questo motivo, sono scattate nove denunce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Roma dice basta”, migliaia di persone al Campidoglio contro il degrado. I cori per la sindaca Raggi: “Dimissioni”

prev
Articolo Successivo

Migrante condannato, pluriespulso e indagato chiede lui stesso di essere espulso. La burocrazia glielo impedisce

next