Storica svolta per la parità di genere in Africa. Sahle-Work Zewde è stata eletta presidente del parlamento etiope. È la prima donna a raggiungere la carica in Etiopia e l’unica in tutto il continente. La diplomatica succede a Mulatu Teshome che si è inaspettatamente dimesso dall’incarico assunto nell’ottobre 2013. Solo una settimana fa il primo ministro, Abiy Ahemed Aly, aveva nominato un nuovo gabinetto, attribuendo metà dei posti alle donne.

Dopo il giuramento, la neo presidente ha subito evidenziato i punti fermi del proprio mandato: la parità di genere e il mantenimento della pace. Riguardo al primo tema la Zewde ha sottolineato che l’uguaglianza dovrà divenire una realtà in Etiopia ma non solo. Mentre il Paese si sta dirigendo verso una parità uomo-donna, infatti, altrove c’è ancora molto lavoro da fare. Rivolgendosi al parlamento la politica ha poi posto l’attenzione sull’altro focus del proprio mandato: la pace. “Esorto tutti voi a sostenere la nostra pace, nel nome di tutte le madri che sono le prime a soffrire per l’assenza di pace”, ha detto la Zewde.

La nomina di Sahle-Work è stata accolta con favore dagli etiopi che sui social media l’hanno definita “storica”, anche se, di fatto, per la Costituzione etiope la carica è cerimoniale, visto che a detenere il potere politico è il primo ministro.

Anche il capo dello staff del primo ministro, Fitsum Arega, ha commentato la nuova elezione. “In una società patriarcale come la nostra, la nomina di un capo di stato femminile non solo definisce gli standard per il futuro, ma normalizza anche le donne come decisori nella vita pubblica”, ha cinguettato.

Una carica che è solo l’apice di una lunga carriera diplomatica della donna. La 68enne ha lavorato come ambasciatore per l’Etiopia in Senegal e in Gibuti e ha ricoperto diverse posizioni nelle Nazioni Unite, tra cui il capo del peace-building nella Repubblica Centrafricana. Immediatamente prima di diventare presidente era inoltre rappresentante dell’Onu presso l’Unione africana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, nuovi pacchi sospetti ai democratici Raggiunti anche Bob De Niro e Joe Biden

next
Articolo Successivo

Carovana migranti, il Pentagono invia 800 uomini alla frontiera. Trump: “Li fermeremo, non faremo come l’Europa”

next