Strada dei Parchi annuncia che presenterà un esposto in procura per il mancato sblocco dei 192 milioni necessari per la messa in sicurezza sismica delle autostrade A24 e A25. “Il termine della diffida è scaduto oggi, non ci sono i decreti attuativi per sbloccare i fondi”, spiegano i vertici della concessionaria che gestisce le due arterie che collegano l’Abruzzo con il Lazio.

Lo scorso lunedì, Strade dei Parchi aveva dato un ultimatum di cinque giorni al ministero per le Infrastrutture e Trasporti, sottolineando che “non è dato in alcun modo sapere per quale ragione il ministero concedente non si faccia ancora oggi parte diligente rispetto all’adempimento dei compiti di propria competenza mediante il sollecito rilascio dei provvedimenti approvati dei progetti al fine di consentire l’avvio dei lavori urgenti“.

Quei soldi, prima previsti dal 2021, sono stati anticipati al biennio 2018-19 nel decreto Genova ma, sostiene la concessionaria, sono di fatto bloccati nonostante proprio il dicastero abbia lanciato l’allarme sullo stato dei viadotti in seguito a una visita del ministro Danilo Toninelli. Un allarme confermato dall’Uit di Roma in una relazione di 14 pagine che ha portato, dopo diverse ispezioni, a limitazioni nel traffico dei veicoli pesanti su 87 ponti.

Davanti al silenzio nella giornata di oggi, Strada dei Parchi ha deciso di far ricorso alla procura: “Sarà la magistratura a verificare le responsabilità, non abbiamo altra scelta perché a circa un mese dall’approvazione del decreto Genova e nonostante i tentativi quotidiani che facciamo per vedere emessi i decreti attuativi da parte degli uffici competenti – spiega la concessionaria – si continuano a frapporre ostacoli pretestuosi che ci impediscono di avere i documenti necessari per operare”. Una “situazione diventata insostenibile a fronte delle responsabilità a cui veniamo quotidianamente richiamati”, concludono i dirigenti della concessionaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus, ultras e bagarinaggio: accuse anche sulla stagione in corso. L’anticipazione di Report

prev
Articolo Successivo

Gilberto Benetton morto a 77 anni: aveva fondato il gruppo coi tre fratelli nel ’65

next