Sulla storia della manina “essendo io anche il garante, ci tengo a fare chiarezza, anche perché siamo il governo non solo del cambiamento ma anche della trasparenza”. Così il premier Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa a palazzo Chigi dopo il consiglio dei ministri. “E’ stato raggiunto un accordo politico in zona Cesarini, poco prima di entrare in Cdm. E’ successo spesso in passato che non ci fosse nemmeno un testo scritto. Questa volta sull’articolo 9, che non era presente nell’articolato originale con cui siamo entrati in riunione” ha spiegato.

“Mi è stato portato questo foglio con l’articolo 9. Ovviamente se anche faccio leggere una norma di natura fiscale a un commercialista è molto complessa, ho preferito dunque io riassumere i termini dell’accordo politico raggiunto, riservandoci poi di valutare la trascrizione tecnica – ha concluso – Il problema è nato perché, dopo le opportune verifiche, ci siamo resi conto che non rispecchiava l’accordo politico, quindi c’è stato bisogno di questo passaggio che ha portato a un’ulteriore deliberazione del Cdm”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia 5 stelle, Di Maio: “Nell’ultimo anno abbiamo cercato di tenere alti i valori del M5s. Noi al governo, ma riempiamo le piazze”

next
Articolo Successivo

Dl fisco, in conferenza stampa hanno tutti fretta di andare. Di Maio: “Emendamenti M5s? Devo andare” e Salvini: “Mia figlia mi denuncia”

next