“Non è colpa mia se io e Salvini non si siamo potuti confrontare sul dl sicurezza. È legittimo stare in campagna elettorale in Trentino, ma poi non ci si lamenti se non abbiamo sciolto i nodi”. A dirlo, il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, che risponde all’omologo di governo, Matteo Salvini, secondo il quale non era possibile che il M5s presentasse 81 emendamenti al decreto legge sicurezza.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Decreto fiscale, Di Maio vs Salvini: “Da bugiardo non voglio passare. Io distratto? Non ci sto: condono penale non c’era”

next
Articolo Successivo

Pace fiscale, la ricostruzione di Palazzo Chigi: “La norma sul condono è arrivata durante il Cdm. Andava verificata”

next