“Non è colpa mia se io e Salvini non si siamo potuti confrontare sul dl sicurezza. È legittimo stare in campagna elettorale in Trentino, ma poi non ci si lamenti se non abbiamo sciolto i nodi”. A dirlo, il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, che risponde all’omologo di governo, Matteo Salvini, secondo il quale non era possibile che il M5s presentasse 81 emendamenti al decreto legge sicurezza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto fiscale, Di Maio vs Salvini: “Da bugiardo non voglio passare. Io distratto? Non ci sto: condono penale non c’era”

prev
Articolo Successivo

Pace fiscale, la ricostruzione di Palazzo Chigi: “La norma sul condono è arrivata durante il Cdm. Andava verificata”

next