“Appena ho letto l’inchiesta, anzi faccio i complimenti a chi l’ha realizzata, ho dato mandato ai miei uffici di chiedere tutti i chiarimenti. La notizia impone, soprattutto perché si tratta di un’azienda partecipata dallo Stato, tutti gli approfondimenti del caso, non solo da parte del ministero dello Sviluppo economico e di tutto il governo”. Risponde così il vicepremier Luigi Di Maio, al Fatto Quotidiano che gli chiedeva un commento all’inchiesta de ‘l’Espresso‘ che ha rivelato gli affari tra la moglie dell’ad di Eni Claudio Descalzi e la figlia del presidente del Congo. Stando all’inchiesta, infatti, la moglie del manager del gruppo statale italiano avrebbe una società offshore alle Mauritius assieme alla figlia del presidente africano. La circostanza è emersa dalle carte di un’inchiesta dei magistrati francesi che stanno indagando sui tesori nascosti dal dittatore. “Questo – ha concluso Di Maio – è un governo che non fa sconti a nessuno. Chiederemo chiarimenti e tutto quello che emergerà sarà oggetto delle nostre decisioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matteo Renzi si offre come speaker per convegni nel mondo: “Quanto costa ingaggiarlo? 20mila euro”

prev
Articolo Successivo

Renzi vs Floris: “Io non sono al governo, commentiamo quegli altri”. “Si discute sua titolarità a parlare di loro”

next