Cicerone, Aristotele e Schopenauer tutti condensati in una brillante commedia francese. Arriva in sala l’11 ottobre 2018 Quasi nemici, l’ultimo film diretto dall’attore Yvan Attal che mette in scena uno scoppiettante duello di retorica tra Pierre Mazard (Daniel Auteuil), noto professore di un’autorevole università parigina, e la giovane studentessa di legge proveniente da una banlieue Neïla Salah (Camelia Jordana).

La ragazza potrebbe essere un talento vincente per il prestigioso concorso di retorica tra facoltà. Così, sotto la pressione del preside dell’ateneo, Mizard sarà costretto a convocare e seguire la ragazza distillando lezioni di retorica che lei non digerisce se non come offese personali per la sua provenienza geografico-culturale. L’inesausta lotta oratoria tra Neïla e Mizard si trasforma in autentico palcoscenico comico e percorso di formazione, modulato fra eloquio dotto e critica sferzante alla marginalità sociale come alle idiosincrasie del contemporaneo (l’iperpresenza del web, l’affettività verso gli animali domestici). La sequenza dell’arrivo in ritardo in classe di Neila con il pistolotto reazionario di Mazard è una perla di riflessione sul senso contemporaneo del politicamente corretto che fa sbellicare dalle risate, ma anche parecchio riflettere.

La clip in esclusiva per il Fattquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Soldado, Stefano Sollima sbarca a Hollywood e dopo Sicario il caos esplode su ogni fronte e la guerra sarà contro tutti

prev
Articolo Successivo

La Rabbia di Guareschi e Pasolini. Un documentario eretico

next