Un richiamo all’ordine diretto al gruppo pentastellato, dopo i malumori in casa M5s sul Decreto Salvini su immigrazione e sicurezza, con la richiesta di diversi senatori di modificare quella che viene bollata come una potenziale “bomba sociale”. Dal villaggio Coldiretti, è lo stesso Luigi Di Maio a difendere il testo: “Insofferenza nel gruppo M5s? Questo testo è costituzionale, ha ricevuto apprezzamenti pure dall’Unione europea. E vorrei ricordare che tutto quello che è stato votato dai nostri iscritti nel contratto va votato“, ha rivendicato. E se Salvini non ha escluso l’ipotesi di fiducia per blindare la sua approvazione (“Spero di no, voglio migliorare il decreto. Poi se altri presenteranno migliaia di emendamenti evidentemente non vogliono farlo“), Di Maio non invece replicato nel merito, bocciando però le lamentele presenti tra i suoi eletti e rivendicando la costituzionalità del testo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Di Maio: “Lettera Ue sul Def? Noi non arretriamo, non esiste alcun piano B. Abolirò 240 leggi sul lavoro”

next
Articolo Successivo

Cottarelli predica bene ma razzola male. E da professore a star televisiva il passo è presto fatto

next