In un periodo in cui i saloni auto “formato classico” stanno perdendo appeal e si devono reinventare se vogliono sopravvivere, ecco che realtà come quella del Parco Valentino prendono il sopravvento e sembrano affermarsi come nuove formule vincenti. Molto più simile a Goodwood e a Pebble Beach, è stata presentata oggi a Milano, al Castello Sforzesco, la quinta edizione di quello che sembra preannunciarsi un nuovo happening. Una manifestazione che si è ritagliata uno spazio autonomo nel calendario automobilistico, senza pestare i piedi ad eventi come Le Mans, Mille Miglia o, appunto, Goodwood ed è stato spostato in avanti di due settimane rispetto al passato.

Dal 19 al 23 giugno prossimi, lungo le rive del Po, ci si aspetta il 30% di visitatori in più rispetto ai 700.000 dell’anno scorso, arrivati da 102 province italiane. Anche se non c’è ancora la lista completa saranno più di 40 i brand presenti in quello che comunque sarà un Salone per le persone e non autoreferenziale per le case auto.

E’ stato Andrea Levy, Presidente del Parco Valentino, a spiegare megio il concetto: “In questi 4 anni Parco Valentino è riuscito a diventare un punto d’incontro tra tutti gli attori del sistema automobilistico che trovano un ambiente in cui confrontarsi e discutere di quello che è il mercato dell’auto, ma anche dell’entusiasmo e la passione dei suoi protagonisti. Parlo di presidenti dei brand, di car designer, di giornalisti che la raccontano e di proprietari di supercar per i quali Parco Valentino è ormai un appuntamento irrinunciabile. Alla luce delle conferme che abbiamo già ricevuto posso anticipare che Parco Valentino 2019 sarà da record per modelli esposti e per numero di visitatori”.

E saranno proprio le persone, ancor più che le auto, l’anima di questa edizione: collezionisti e appassionati che veicoleranno la passione per i motori anche a chi appassionato ancora non è. Per farlo la formula è quella degli anni passati: ingresso gratuito, con la registrazione online sul sito, e apertura dalle 10.00 di mattina fino a mezzanotte.

Tutti a passeggiare tra gli stand ma anche tra supercar che saranno parcheggiate intorno al Parco Valentino. Tra le novità, a dimostrazione che è la passione ad essere il fil rouge della kermesse torinese, ci sarà un premio per i grandi collezionisti ma anche la seconda edizione della Supercar Night Parade, il mercoledì dell’apertura, con un percorso modificato e allungato che vedrà le auto spingersi fin sulla collina: si è cercato un tratto un po’ più “guidato” proprio per sfogare la propria passione.

Non mancherà neanche il Gran Premio Parco Valentino, la domenica, a ricordare quello che si svolgeva tra il 1935 e il 1955 sulle stesse strade. Durante la presentazione della manifestazione, è stata inaugurata la tappa milanese della mostra fotografica “Un percorso nella storia delle Case automobilistiche”. Dopo Torino e Modena e prima di quella che ci sarà a Roma, è un lento avvicinamento al Salone di giugno, percorrendo l’evoluzione dell’auto, da Mercedes-Benz a Tesla, passando attraverso tutti i nomi che hanno fatto la storia delle quattro ruote.

E poiché al Parco Valentino si festeggia sempre qualche anniversario, tenete d’occhio le case che sono state fondate in un anno che termina col nove ed ecco che potreste trovare i nomi protagonisti delle celebrazioni previste per il prossimo anno. Ad esempio FCA 1899: potrebbe spegnere le sue 120 candeline proprio in casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone di Parigi 2018, tutte le scuse dei costruttori per declinare l’invito

next
Articolo Successivo

Toyota, maxi-richiamo da 2,4 milioni di vetture ibride

next