In un periodo in cui i saloni auto “formato classico” stanno perdendo appeal e si devono reinventare se vogliono sopravvivere, ecco che realtà come quella del Parco Valentino prendono il sopravvento e sembrano affermarsi come nuove formule vincenti. Molto più simile a Goodwood e a Pebble Beach, è stata presentata oggi a Milano, al Castello Sforzesco, la quinta edizione di quello che sembra preannunciarsi un nuovo happening. Una manifestazione che si è ritagliata uno spazio autonomo nel calendario automobilistico, senza pestare i piedi ad eventi come Le Mans, Mille Miglia o, appunto, Goodwood ed è stato spostato in avanti di due settimane rispetto al passato.

Dal 19 al 23 giugno prossimi, lungo le rive del Po, ci si aspetta il 30% di visitatori in più rispetto ai 700.000 dell’anno scorso, arrivati da 102 province italiane. Anche se non c’è ancora la lista completa saranno più di 40 i brand presenti in quello che comunque sarà un Salone per le persone e non autoreferenziale per le case auto.

E’ stato Andrea Levy, Presidente del Parco Valentino, a spiegare megio il concetto: “In questi 4 anni Parco Valentino è riuscito a diventare un punto d’incontro tra tutti gli attori del sistema automobilistico che trovano un ambiente in cui confrontarsi e discutere di quello che è il mercato dell’auto, ma anche dell’entusiasmo e la passione dei suoi protagonisti. Parlo di presidenti dei brand, di car designer, di giornalisti che la raccontano e di proprietari di supercar per i quali Parco Valentino è ormai un appuntamento irrinunciabile. Alla luce delle conferme che abbiamo già ricevuto posso anticipare che Parco Valentino 2019 sarà da record per modelli esposti e per numero di visitatori”.

E saranno proprio le persone, ancor più che le auto, l’anima di questa edizione: collezionisti e appassionati che veicoleranno la passione per i motori anche a chi appassionato ancora non è. Per farlo la formula è quella degli anni passati: ingresso gratuito, con la registrazione online sul sito, e apertura dalle 10.00 di mattina fino a mezzanotte.

Tutti a passeggiare tra gli stand ma anche tra supercar che saranno parcheggiate intorno al Parco Valentino. Tra le novità, a dimostrazione che è la passione ad essere il fil rouge della kermesse torinese, ci sarà un premio per i grandi collezionisti ma anche la seconda edizione della Supercar Night Parade, il mercoledì dell’apertura, con un percorso modificato e allungato che vedrà le auto spingersi fin sulla collina: si è cercato un tratto un po’ più “guidato” proprio per sfogare la propria passione.

Non mancherà neanche il Gran Premio Parco Valentino, la domenica, a ricordare quello che si svolgeva tra il 1935 e il 1955 sulle stesse strade. Durante la presentazione della manifestazione, è stata inaugurata la tappa milanese della mostra fotografica “Un percorso nella storia delle Case automobilistiche”. Dopo Torino e Modena e prima di quella che ci sarà a Roma, è un lento avvicinamento al Salone di giugno, percorrendo l’evoluzione dell’auto, da Mercedes-Benz a Tesla, passando attraverso tutti i nomi che hanno fatto la storia delle quattro ruote.

E poiché al Parco Valentino si festeggia sempre qualche anniversario, tenete d’occhio le case che sono state fondate in un anno che termina col nove ed ecco che potreste trovare i nomi protagonisti delle celebrazioni previste per il prossimo anno. Ad esempio FCA 1899: potrebbe spegnere le sue 120 candeline proprio in casa.