Si chiama “Mediterranea“. E’ una nave italiana ed è partita per svolgere nel Mediterraneo attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia “della drammatica situazione che vede donne, uomini e bambini affrontare enormi pericoli in assenza di soccorsi e nella complice indifferenza dei governi italiano ed europei”.

Tra i promotori del progetto varie associazioni, onlus, ong tra cui Arci nazionale, Ya Basta di Bologna, la ong tedesca Sea-Watch, il magazine online I Diavoli e l’impresa Moltivolti. Garanti un gruppo di parlamentari, con il sostegno di esponenti del mondo della cultura e della società civile.

Questo pomeriggio, alle ore 15.00 a Roma presso l’Hotel Nazionale, in Piazza Montecitorio, si svolgerà la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa e del progetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rischio Salmonella, ministero Salute annuncia richiamo dei Croissant Bauli a lievitazione naturale con crema al latte

next
Articolo Successivo

Brennero, blocco dei tir in Austria: serpentone di 70km da Bolzano a Vipiteno

next