Arresto di Mimmo Lucano? La cosa che mi fa più paura è che l’Italia sia un Paese sempre più spaccato e questa vicenda ci vede tutti sconfitti”. Così a Otto e Mezzo (La7) il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, commenta gli arresti domiciliari del sindaco di Riace, Mimmo Lucano, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, con matrimoni combinati e illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. “In una intervista molto bella a Micromega” – continua Scanzi – “il sindaco di Riace aveva detto che gli sembrava di vivere in un Paese dove c’era una continua dispersione di coscienze. Ecco, la dispersione di coscienze, dopo quello che è successo in queste ore, sarà ancora più acuita e più forte, perché ci saranno quelli che non vogliono in alcun modo i migranti e brandiranno questa decisione della magistratura come a dire che hanno torto i “buonisti” e quelli come la Boldrini e Civati. Lo ha fatto Salvini che, anche se non sembra, è ministro dell’Interno“.
E aggiunge: “Mi permetto, però, di dire, da persona che stima il sindaco di Riace e anche Roberto Saviano, che questi continui atteggiamenti un po’ apocalittici e al contempo un po’ divinizzatori nei confronti di chi viene fermato, o addirittura il dire, come ha fatto Saviano, che ‘questa inchiesta è il primo passo verso lo Stato autoritario’ mi sembrano sensibilmente eccessivi”.

Sulla vicenda interviene anche Gianrico Carofiglio, scrittore ed ex magistrato: “Non sono in grado di dire se l’inchiesta regge, non conoscendo gli atti. Però questa è una brutta storia in tutti i casi, quale che sia l’esito. Se il sindaco ha commesso davvero quei reati che implicavano e richiedevano addirittura la limitazione della sua libertà personale, allora è una brutta storia perché si tratta di un sindaco che è venuto alla ribalta per cose belle, legate alla integrazione e alla proposizione di un modello di integrazione osservato in tutto il mondo”.
E puntualizza: “Quindi, se Lucano ha davvero commesso reati così gravi da richiedere il suo arresto, è davvero brutto. Ma è brutto anche il fatto che abbia commesso irregolarità minori e queste hanno portato degli uffici giudiziari a limitare la sua libertà personale. Non faccio più il magistrato da tempo, ma quando ero pm e chiedevo l’arresto di qualcuno, lo facevo se avevo in mano prove sufficienti a farlo condannare, non un tentativo per vedere quello che poi succedeva”.
Carofiglio chiosa: “La libertà personale è qualcosa su cui non bisogna scherzare e va maneggiata con delicatezza. E’ una cosa moralmente agghiacciante che il ministro dell’Interno intervenga a battere le mani sull’arresto di una persona con un tweet. E’ una roba che mi lascia sconvolto“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pizzarotti: “Pentimento per aver lasciato M5s? No, altrimenti avrei governato con Salvini”

next
Articolo Successivo

Pd, Gene Gnocchi: “Calenda in piazza dopo 25 anni: l’ultima volta manifestò contro l’aumento di prezzo del caviale”

next