Piercamillo Davigo e Giuseppe Cascini entrano a far parte della Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, cioè il tribunale che giudica le toghe. Sono stati eletti dal plenum di Palazzo dei Marescialli rispettivamente nelle categorie riservate ai giudici della Cassazione e ai pm. Davigo è il capogruppo di Autonomia e Indipendenza, corrente da lui creata, ed è stato pm ai tempi di Tangentopoli, presidente di Sezione in Cassazione e presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Cascini è stato pm nel processo a Mafia capitale ed è entrato al Csm come capogruppo di Area, la corrente di sinistra dei magistratui. L’assemblea ha eletto anche altri due componenti: come giudici di merito entrano Corrado Cartoni di Magistratura Indipendente e Marco Mancinetti di Unicost. Davigo ha ottenuto 20 voti, Cascini e Cartoni 19 mentre Mancinetti 22.

Il componente laico, invece, è Fulvio Gigliotti, eletto a Palazzo dei Marescialli dal Movimento 5 stelle. È stato designato alla seconda votazione con 22 voti. Alla prima invece non era stato raggiunto il quorum visto che aveva preso solo 15 voti. Otto sono andati invece a Michele Cerabona, il laico di Forza Italia. Uno a Alberto Maria Benedetti, l’altro laico indicato dal Movimento 5 stelle che doveva essere eletto vicepresidente ma è stato battuto da David Ermini.

L’ormai ex deputato del Pd è presdente di diritto della commissione disciplinare. La scorsa settimana la sua elezione sulla poltrona più altra di Palazzo dei Marescialli ha scatenato le polemiche e spaccato le correnti delle toghe. Per la prima volta, infatti, un vicepresidente non è stato eletto all’unanimità. E soprattutto il fatto che Ermini fosse l’unico politico tra i membri laici. La sua elezione, in pratica, non ha tenuto conto del monito di Sergio Mattarella, che nel giorno dell’insediamento del nuovo plenum si era rivolto ai laici ricordando che “sono eletti non perché rappresentanti di singoli gruppi politici (di maggioranza o di opposizione) bensì perché, dotati di specifiche particolari professionalità.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo Crescent, Vincenzo De Luca e tutti gli altri imputati assolti

prev
Articolo Successivo

Gran Sasso, le accuse all’Istituto di fisica: “Rischio contaminazione da composti chimici per acqua di 700mila cittadini”

next