A tutti prima o poi sarà capitato di dover stampare un documento a casa. Se avete una stampante di vecchia generazione è una scocciatura: bisogna accendere il PC collegato alla stampante o connettervi il notebook, aprire il documento che molto probabilmente avete già visto sullo smartphone, lanciare la stampa e poi spegnere tutto. HP vi propone una soluzione decisamente più pratica con le nuove stampanti Tango.

Si collegano alla rete di casa, e soprattutto comunicano anche con lo smartphone. Morale: quando vedete sullo smartphone un contenuto da stampare vi basta dare il comando di stampa, senza alzarvi dal divano. Si fa tutto dall’apposita app “HP Smart”, che è anche compatibile con Amazon Alexa e Google Home per darvi l’agio di avviare la stampa mediante un comando vocale.

Tramite l’app vedrete se la stampa è andata a buon fine, se il coperchio del dispositivo è chiuso, se la carta è caricata nell’apposito vassoio e quali sono i livelli di inchiostro. Se poi volete essere proprio “avanti” potete registrarvi su HP Instant Ink di modo da ordinare automaticamente le cartucce quando stanno per esaurirsi. Insomma, più che una semplice stampante, HP propone un centro di controllo vero e proprio, che elimina la necessità di un computer.

Non solo: i due modelli Tango supportano la connessione Wi-Fi remota, il che significa che se siete fuori casa ma collegati a una rete Wi-Fi potete avviare comunque la stampa, e trovarla bell’e pronta quando rincasate.

Cosa volete di più dalla vita? Beh, personalmente vorrei anche che la stampante fosse piccola e bella, per non doverla nascondere nello sgabuzzino. Quella estetica è appunto l’altra novità delle Tango: HP le ha disegnate da zero di modo che si integrino perfettamente con un arredamento moderno. Hanno un design minimalista e compatto, e dispongono persino di una copertina protettiva in un tessuto simile a quello impiegato per gli altoparlanti intelligenti Amazon Echo.

Morale: potrete piazzare la nuova stampante dove volete, anche in salotto, senza che sembri un pugno in un occhio, e avviare le stampe dove e quando volete. Adesso sì che si ragiona, basta solo aspettare che arrivino in commercio. L’attesa sarà breve perché HP Italia ha aomunicato che HP Tango sarà disponibile nel Belpaese da questo autunno, con prezzo a partire da 149 euro per il modello base senza cover. Il modello HP Tango X (che include anche la copertura) costerà invece 199 euro.

Gli amanti del design potranno scegliere la copertura Indigo Linen (blu), Charcoal Linen (grigio) e, più avanti nel corso dell’anno, Cork Currant (marrone). L’app HP Smart App si scarica liberamente sia dall’Apple Store sia da Google Play.

Per la cronaca, se dovete stampare foto e non documenti potete puntare su una soluzione ancora più compatta: la Sprocket, che stampa su carta fotografica di 5×7,6 cm e comunica con lo smartphone via Bluetooth.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Overwatch, a Parigi il gioco di Blizzard è come un vero sport

prev
Articolo Successivo

Recensione iPhone XS: Apple ha realizzato un gioiello, ma a che prezzo!

next