Le parole di Renzi sui funerali di Stato a Genova? Sono abbastanza penose”. Così a Dimartedì (La7) il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, commenta le dichiarazioni pronunciate dal senatore Pd, Matteo Renzi, a Otto e Mezzo, circa Rocco Casalino e i funerali delle vittime del crollo del ponte Morandi. E aggiunge: “Io dubito che chi ha appena perso i parenti sotto un ponte crollato si faccia pilotare le mani e i comportamenti dal portavoce del governo. Se ai funerali ci fosse stato Renzi, anziché Martina, i fischi sarebbero stati anche di più, perché comunque, volenti o nolenti, il centrosinistra ha avviato quella sciagurata privatizzazione che ha regalato i pedaggi di Autostrade che ci eravamo pagati con le nostre tasse, non una ma tre volte”. Il direttore del Fatto, poi, si esprime su Casalino: “Penso che sia stato un pirla a fidarsi dei giornalisti parlamentari. Lui non è il portavoce di un governo normale. Da almeno 20 anni, quando i portavoce dei governi normali parlano privatamente coi giornalisti, questi ultimi mantengono segreta la fonte. Casalino l’ha fatto per la prima o seconda volta e immediatamente si è visto pubblicare il suo messaggio. Peraltro” – continua – “Casalino non ha rivelato nulla di ignoto, visto che si sapeva benissimo che il M5s ce l’ha con la struttura del Mef, tacciato di mettere i bastoni tra le ruote alla realizzazione dei punti programmatici dei 5 Stelle. Lo ha detto Di Maio duemila volte in interviste pubbliche”. E chiosa: “Sono contento che sia venuto fuori quell’audio, perché spero che i colleghi, che conservano nel loro iPhone altri messaggi e altri audio dei portavoce di precedenti governi e dei precedenti presidenti della Repubblica, tirino fuori tutto e pubblichino tutto. Così magari scopriremo chi ha orchestrato le campagne contro Michele Santoro, Daniele Luttazzi, Enzo Biagi, Nino Di Matteo, Antonio Ingroia, Paolo Savona. Così, insomma, ci divertiremo un sacco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casalino risponde sull’audio contro i dirigenti del Mef: “Bufera per nulla. Sono così intoccabili questi burocrati?”

prev
Articolo Successivo

Pd, Renzi: “Zingaretti? Non va bene, troppo ambiguo su accordo con M5s”. Padellaro: “Così Salvini stravince”

next